Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Calcio

Vale mai doma, ma Rimini è irresistibile

Buona prova dei rossoblu, che escono sconfitti nonostante la solidità difensiva ed il convincente finale di gara. Il Rimini passa in vantaggio nel finale di primo tempo e si prende il primo posto in classifica.
Non era lo scontro da testa-coda Lecco-Casale, ma poco ci mancava, dato che in campo scendevano la seconda (ora prima) e la penultima forza del campionato. Alla luce degli ultimi risultati, la sfida di Rimini lasciava presagire nulla di buono e, puntualmente, le previsioni si sono dimostrate azzeccate. Il Rimini si mette cosi in tasca i tre punti che valgono il primato in classifica, mentre la Valenzana vede allontanarsi ulteriormente una salvezza diretta che, oggi, sembra essere diventato obiettivo ai limiti dell'irrealizzabile. Eppure a ben vedere la Valenzana scesa in campo a Rimini è sembrata esser tutto fuorchè una squadra relegata in fondo alla classifica e condannata quasi definitvamente alla retrocessione. Gli uomini di Rossi, infatti, se la sono giocata assolutamente alla pari contro un Rimini evidentemente sorpreso dalla compattezza dimostrata dagli orafi, bravi a resistere alla forza d'urto della neo-capolista, non demoralizzarsi allo svantaggio e, infine, mettere in difficoltà i biancorossi. Meritando, a mente fredda, almeno un punticino, che se da un lato non avrebbe cambiato nulla nella geografia dei bassifondi della classifica avrebbe senz'altro regalato piglio ad una squadra che, ora più che mai, ha bisogno di iniezioni di fiducia. Purtroppo, come ribadito da mister Rossi e patron Omodeo, non è annata. E, con un regolamento molto rigido come quello delle retrocessioni di quest'anno, la sfortuna e i periodi no dovuti anche a restrittezze ed errori di valutazione, rendono il conto molto salato. Rimane, se non altro, la certezza che giocando cosi da qui fino a fine stagione nella peggiore delle ipotesi la Valenzana retrocederà a testa non alta, altissima.

LA PARTITA
La Valenzana, infatti, regge bene la spinta iniziale del Rimini, stimolato dalla prospettiva di prendersi il primato in classifica in caso di risultato a sopresa a Lecco. Valeriani si ritrova per ben due volte solo davanti a Serena, bravissimo in entrambi i casi ad anticiparlo. Il portiere rossoblu nulla può fare però sul tap-in di Palazzi, che in chiusura di primo tempo sfrutta al meglio un mischione susseguente a corner insaccando sul secondo palo lo spiovente di Baldazzi. Il Rimini prova a chiudere definitivamente i conti nel secondo tempo e fino a un'ora di gara costruisce un paio di occasioni nelle quali è provvidenziale Serena, il migliore in campo. I tentativi falliti di raddoppio danno coraggio alla Vale, che non avendo più nulla da perdere prova a riversarsi nella metà campo avversaria, schiacciando territorialmente il Rimini nella propria trequarti pur senza mai impegnare seriamente Scotti. Il Rimini prova, semmai, a pungere in contropiede, ed infatti l'ultimo sussulto è di marca biancorossa: al 5' di recupero il Rimini si ritrova ancora una volta davanti a Serena, ma Spighi spara in zona cirrocumuli.

TABELLINO
RIMINI - VALENZANA : 1-0 (1-0)
RETI:
42'pt Palazzi
RIMINI(4-3-2-1): Scotti; Gasperoni, Palazzi, Mastronicola, Brighi A.; Favero(1's.t Onescu), Valeriani, Cardinale; Buonocunto(42's.t Rosini), Baldazzi(29's.t Spighi); Zanigni. (Semprini, Zanetti, Signorini, Monac) All.: D'Angelo
VALENZANA(5-3-2): Serena; Bassoli(8's.t Enrico), Berselli(36s.t Crescente), Allegrini, Della Maggiora, Blondett; Montanari, Dall’Ara, Chiazzolino; Miracoli, Capellini(8's.t Lamenza). (Moretti,Serao, Rebolini, Uggeri). All.: Rossi.
ARBITRO:Soricaro (Raspollini - Cecconi)
NOTE: prima dell'inizio della partita è stato osservato 1' minuto di silenzio per la scomparsa dell'ex presidente della Repubblica Scalfaro. Ammoniti: Favero(R), Allegrini, Lamenza, Chiazzolino e Blondett(V). Espulso D'Angelo (all. Rimini) per proteste nei confronti del direttore di gara. Recupero: 1'p.t, 5' s.t
29/01/2012
Riccardo Robotti - riccardo.robotti@alice.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus