Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Terza categoria: Pelizzari e Sorbino, Vignolese ko. ASD Ovada in finale col Lerma

Attaccanti protagonisti nel successo per 2 a 0 contro la quarta classificata nella regular season. Ajjor: "Felici di trovare il Lerma nel prossimo weekend, ma vogliamo batterli". La finale si disputerà al Geirino e la compagine ovadese avrà due risultati su tre a disposizione
OVADA - Sarà una tra l'ASD Calcio Ovada e il Lerma a conquistare la promozione in Seconda categoria al termine della finale dei play-off in programma la prossima settimana. Oltre al successo dei ragazzi di mister Ajjor, favoriti in partenza dal miglior piazzamento in classifica - legittimato dalla disputa del match in casa, con due risultati su tre a disposizione -, si è qualificata all'ultimo atto del torneo anche la quinta classificata nella regular season. A Cassano è decisiva la rete di Bisio per eliminare dalla competizione i vice-campioni del girone A. In attesa di definire la data, la compagine diretta da Filinesi si è garantita un posto nella sfida secca al Geirino contro la neonata compagine ovadese, nuovamente favorita dal regolamento (in caso di parità dopo i tempi supplementari sarà promozione) dopo la vittoria interna contro la Vignolese. Il primo dei due match casalinghi si è deciso grazie alle reti di Pelizzari e Sorbino a inizio ripresa. Difficile dare un giudizio alle due formazioni per i primi 45 minuti: l'unica occasione degna di nota capita sui piedi di Coniglio, lanciato in contropiede. L'attaccante della Vignolese spreca calciando il pallone lontano dal palo alla destra della porta difesa da Tagliafico, spettatore non pagante per almeno trequarti della gara.

Nel secondo tempo è Pelizzari - marcato con particolare attenzione dalla retroguardia ospite - a trovare lo spunto dopo pochi minuti. E' il 52' quando l'attaccante beffa Ursida - e con lui anche Demergasso e Cepollina, impegnati in copertura mentre il pallone scorreva verso l'estremo difensore - per il vantaggio ovadese. Gli ospiti si presentano sul dischetto del centrocampo per provare a pareggiare i conti, ma il regalo fatto dalla retroguardia a Sorbino tre minuti più tardi chiude ogni discorso riguardante la qualificazione. Ursida calcia corto il rinvio dal fondo, ma deve assistere impotente all'errore dei due centrali al limite dell'area che spiana la strada all'attaccante locale, che segna dopo aver dribblato anche il portiere stesso. La confusione regna sovrana in prossimità dell'ora di gioco, con l'ASD Ovada che cavalca le difficoltà degli avversari e trova perfino il modo di presentarsi dal dischetto per il possibile 3 a 0. Un fallo di mano di Rinaldis in area di rigore riscontrato dall'arbitro manda dal dischetto Di Leo, che però si fa respingere il tiro centrale da Ursida. Niente da fare neppure per Sorbino, che si vede nuovamente respinto dal portiere. Nel finale girandola di cambi per la due formazioni, ma il risultato non cambia. Nonostante ciò i supporters ospiti dispensano applausi a scena aperta nei confronti dei giocatori biancorossi, mentre in campo Jurgen Ajjor, entrato nel finale (unico ammonito tra i locali), ricompone lo screzio con Ursida (il portiere era stato coinvolto in uno scontro con l'attaccante mentre batteva il rinvio dal fondo). "Sono contento di questo risultato - dice a fine gara mister Samir Ajjor -. Per il secondo anno consecutivo questo gruppo si ritrova a disputare la finale dei play-off. Siamo maturi, quella di oggi (ieri, ndr) non è stata una partita facile. La Vignolese ha diverse individualità importanti in organico, come Coniglio, Bonanno, Cepollina. Ora sotto con il Lerma, che affronteremo con grande piacere. Personalmente sono felice di ritrovarli in questa finale, anche se alla fine della partita contro di loro mi piacerebbe festeggiare la promozione".

Formazione
Tagliafico, Priano, Oddone, M'Baye, Bruno, Ravera, Di Leo, Sciutto, Pelizzari, Giuttari, Sorbino; All. Ajjor
23/05/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus