Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Plastipol: due punti che pesano

Squadra ovadese vittoriosa al tiebreak sul campo del Meneghetti nell'ultima sfida di valore prima dell'inizio della seconda fase. Tutto facile per le ragazze contro Vercelli
OVADA - Due punti importanti quelli che la Plastipol ha conquistato sul campo del Meneghetti. Oramai sembra sia obbligo che le trasferte ovadesi si concludano al tiebreak. E’ stata molto tirata la sfida, decisa tra quarto e quindi set dalla crescita della qualità del gioco degli uomini di Ravera. Facile 3-0 per la Cantine Rasore sulla Red Vercelli.

I maschi. Tre parziali di grande equilibrio chiusi con la formazioni di casa. Poi lo scatto in avanti della Plastipol, favorita anche dalla prova molto efficace di Crosetto. Primi tre set chiusi sul 25-20, 25-27, 25-23. “Ci siamo complicati la vita – ha commentato il direttore sportivo Alberto Pastorino – nel terzo quando eravamo avanti 23-21 ma ci siamo fatti sorpassare e abbiamo dato ai nostri avversari la possibilità di chiudere. Da quel momento però è arrivata la reazione giusta assieme ai giusti equilibri di gioco”. Il 25-15 del quarto set è la trasposizione in numeri del controllo ovadese sul gioco. Anche il tiebreak ha visto una Plastipol sempre avanti. “Per noi sono punti importanti – ha proseguito nella sua analisi Pastorino – che ci avvicinano alla seconda fare con una certa tranquillità”.

Tabellino: Nistri, Bobbio 4, Morini 5, Baldo 10, Romeo 9, Crosetto 25. Libero: Mi. Bonvini. Ut.: Ma. Bonvini 2, Alloisio 12. All.: Ravera.

Le ragazze. Davvero in discesa l’impegno per Bastiera e compagne che hanno liquidato l’avversaria di turno 25-14, 25-17, 25-17. Il servizio sempre efficace la chiave per mettere in difficoltà un’avversaria comunque inferiore.

Tabellino: Bastiera 2, Giacobbe 10, Bonelli 1, Ravera 11, Fossati 12, Gaglione 11. Libero: Lazzarini. Ut.: Aiassa 5, Grillo, Lombardi. All.: Gombi. 

20/02/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus