Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Boys: tutti i colori del calcio

Loccasione arrivata domenica scorso nel corso della cena di Natale organizzata per la prima squadra e per la Juniores, un modo per ribadire il forte legame tra tutte le componenti di questa grande famiglia. A ricevere la targa dalle mani del presidente Gianpaolo Piana sono stati Paolo Esposti e Corrado Puppo.

OVADA - E’ tempo di premiazioni in casa Ovadese Silvanese e Boys Calcio al termine di un 2017 che ha portato molte novità, altrettanti progetti. L’occasione è arrivata domenica scorso nel corso della cena di Natale organizzata per la prima squadra e per la Juniores, un modo per ribadire il forte legame tra tutte le componenti di questa grande famiglia. A ricevere la targa speciale dalle mani del presidente Gianpaolo Piana sono stati Paolo Esposti, una vera istituzione per il calcio locale, e Corrado Puppo, dirigente quest’anno aggregato proprio alla formazione che è l’anticamera della prima, da tredici anni valido collaboratore del settore giovanile. “Rappresentano – ha spiegato lo stesso Piana,  durante la breve cerimonia – perfettamente le caratteristiche che servono per far crescere la nostra associazione: l’attaccamento e la meticolosità nel lavoro volontario”. Puppo ha seguito la strada del figlio, quest’anno portiere nella squadra allenata da Librizi e prima nel suo campionato. Esposti è conosciuto da tutti gli sportivi ovadesi per la sua passione. “Siamo cresciuti – prosegue Piano – soprattutto nel senso di identità e appartenenza. Per una realtà che nasce dalla fusione di tanti gruppi questo è anche più importante dei numeri. La scelta vincente è stata l’individuazione del nome del sodalizio per il settore giovanile: abbiamo eliminato il campanile e utilizzato la parola Boys perché unisce tutti”. Attualmente la galassia Boys può contare su 232 tesserati cui è necessario aggiungere quelli della Juniores e della Prima squadra.

Vita nuova compagni nuovi  L’estate ha portato nuovi compagni di viaggio per l’attività della prima squadra. Ovada e Silvano hanno dato vita a una sola società con l’obiettivo di essere protagonisti in Prima Categoria. “Il legame era già stato testato con anni di collaborazione per il settore giovanile. In estate abbiamo riproposto il modello per la squadra degli adulti. Quando inizi un percorso di questo tipo non è facile coniugare modi di vedere le cose di operare diversi. Ma stiamo crescendo anche sotto quest’aspetto e tutto questo ci renderà più forti”. Boys Ovada significa anche Castelletto d’Orba e Molare, realtà sempre più interconnesse, una rete che consente di mantenere viva l’attività giovanile anche dove le difficoltà sono più tangibili.

Casa dolce casa Ripartiranno tra febbraio e marzo, dipenderà dal meteo, i lavori all’interno dello storico campo Moccagatta. E’ finalmente arrivato il finanziamento di 20 mila euro accordato dalla Regione Piemonte. Questo consente di andare avanti con il progetto avviato qualche anno fa. In particolare la chiusura del locale bar, ricavato all’interno del manufatto realizzato in questi mesi. Il Moccagatta, campo che è nel cuore di tutti gli sportivi per i trascorsi di tante squadre cittadine, ogni fine settimana si trasforma nel tempio dei giovani che disputano le rispettive partite.  “Ci abbiamo puntato forte – assicura Piana – e vogliamo arrivare in fondo, nonostante le difficoltà affrontate fino a questo momento”.

Vetrina web Il programma aggiornato delle partite del fine settimana successivo, le notizie dell’associazione, la community. E’ in fase di realizzazione il nuovo sito www.boyscalcio.it, un modo facile e rapido per essere informati su tutto quel che c’è da sapere sul calcio ovadese. A occuparsene sono i referenti di ogni squadra dell’attività giovanile.  L’appuntamento più attuale il torneo di Natale, la tradizionale manifestazione in corso in questi giorni al Geirino. 

24/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
INFORMAZIONE DALLE AZIENDE


 
blog comments powered by Disqus