Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

E' novese il miglior barman d'Italia: "Ho vinto grazie al nostro vino"

L'ingrediente segreto se l'è portato da casa: una bottiglia di spumante Valditerra prodotto con le uve di cortese. E' anche grazie a quella che Pietro Guli, di Novi Ligure, ha vinto i campionati nazionali della Fib. "Devo tutto al mio maestro Enrico Rovella"
NOVI LIGURE – L’ingrediente segreto se l’è portato direttamente da casa: una bottiglia di spumante prodotto con le uve di cortese. È anche grazie a quella che Pietro Guli, 48 anni, originario di Spinetta Marengo ma dal 2013 abitante a Novi Ligure, ha ottenuto il primo posto ai Campionati nazionali per barman organizzati a Scanzano Ionico dalla Fib, la Federazione italiana che riunisce i professionisti del settore.

Se è diventato il miglior barista d’Italia, Guli lo deve a un cocktail sparling – vale a dire a base di spumante – di propria invenzione, che ha chiamato Smejm. «Ci ho messo un mese a elaborare la ricetta», spiega. «Come base ho scelto uno spumante prodotto dall’azienda vitivinicola novese Valditerra con uve di cortese, a cui ho aggiunto il Memento, un distillato di spezie mediterranee analcolico, e il Jm Shrubb, un liquore a base di rum con scorze d’arancia». Un contributo alla vittoria l’hanno dato anche i prodotti della Pernigotti, che Pietro ha portato in gara per accompagnare con dolcezza la propria creazione.

Quella per i cocktail è una passione che Guli coltiva fin da giovane. Due anni fa il grande salto, grazie a un maestro davvero eccezionale, il bartender novese Enrico Rovella, conosciuto per i suoi trascorsi lavorativi in tutti i locali più “in” della zona, dalla discoteca Paradiso al Déjà-Vu, dal Mulino al B-White. «Devo davvero tanto a Rovella, a sua moglie Antonella e a suo figlio Christopher. Nel 2016 sono entrato a far parte della Fib – racconta Pietro Guli – e da allora non ho mai smesso di crescere professionalmente. Gli standard richiesti dalla Federazione sono molto alti e non vedo l’ora di mettere a frutto quello che ho imparato e di aprire un locale mio».

Pietro ha già in mente location e stile, ma per ora non si sbilancia. «Sarà un bar di classe», dice il 48enne novese che è sposato e ha un figlio di dieci anni, felicissimo per la vittoria del papà. «Tenevo particolarmente a ben figurare in questa manifestazione, dedicata alla memoria di Andrea Moschetti, una delle colonne della Fib. Ma non avrei mai pensato di poter arrivare addirittura primo».

Foto: Fib - Federazione italiana barman.
25/11/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film