Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Salute

Emicrania cronica: effettuato impianto con neurostimolatore

Presso il Centro di Terapia del Dolore dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria è stato effettuato un intervento di impianto di neurostimolazione periferica dei nervi occipitali per la gestione del dolore e della disabilità associati all'emicrania cronica
SALUTE - È stato recentemente effettuato un impianto di neurostimolazione periferica dei nervi occipitali per la gestione del dolore e della disabilità associati all’emicrania cronica intrattabile presso il Centro di Terapia del Dolore dell’Azienda Ospedaliera Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo di Alessandria, responsabile il dottor Fabrizio Cassini, inserito nella rete ospedaliera dell’area funzionale delle provincie di Alessandria e Asti, il cui Hub (Centro di riferimento) è il Centro di Terapia del Dolore dell’ospedale Santo Spirito di Casale Monferrato, diretto dal dottor Bellini.

Il paziente sottoposto al trattamento di neurostimolazione è in cura da oltre quindici anni presso il Centro Cefalee della Neurologia, diretta da Emilio Ursino, ed è stato selezionato per l’impianto in quanto né le terapie farmacologiche né i trattamenti infiltrativi erano sufficienti a controllare una forma particolarmente invalidante di emicrania. L’intervento, effettuato in anestesia locale, uno tra i primi di questo tipo in Piemonte, è stato realizzato in collaborazione con la Neurochirurgia del dottor Andrea Barbanera ed ha permesso l’impianto di un elettrocatetere e di un generatore di impulsi elettrici. Come spiega il dottor Cassini: “In pratica, si tratta di un sistema totalmente impiantabile molto simile per funzionamento e aspetto ai pacemaker cardiaci, ma anzichè inviare impulsi al cuore, il neurostimolatore, tramite gli elettrocateteri impiantati sotto la cute della nuca, invia impulsi elettrici ai nervi occipitali, modificando la modalità di trasmissione dei segnali del dolore. La stimolazione viene percepita dal paziente come un lieve formicolio nella zona della nuca, dove è stato inserito l’elettrocatetere, e l’intensità e la durata della stimolazione vengono decisi e controllati dal paziente stesso tramite un programmatore portatile esterno simile ad un telecomando".

La Terapia di neurostimolazione viene già utilizzata in modo analogo, da molti anni, per la gestione del dolore cronico alla schiena, al collo, alle braccia e alle gambe ed è completamente reversibile, poiché è possibile interrompere il trattamento in ogni momento spegnendo e rimuovendo lo stimolatore.
Ricorda ancora il dottor. Cassini: “L’intervento viene realizzato solo su pazienti affetti da emicrania cronica disabilitante e non responsiva alle terapie farmacologiche, che vengono accuratamente selezionati in collaborazione con i medici del Centro Cefalee della nostra ASO e rappresenta un’ulteriore possibilità terapeutica per gestire questa patologia aiutando il paziente a migliorare la sua qualità di vita”.
31/07/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé