Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Differenziata: con i primi controlli arrivano le sanzioni

Cresce il fenomeno dei rifiuti abbandonati a bordo strada. Il sindaco Paolo Lantero ha effettuato alcuni controlli insieme all’incaricato di Econet per le “ispezioni ambientali”. Critico, sui dati, il Movimento 5 Stelle

OVADA - Da un lato ci sono i dati diffusi dal Consorzio Servizi Rifiuti, che testimoniano un netto miglioramento nella raccolta differenziata nell'Ovadese. Ma dall'altro non si può certo ignorare il fenomeno crescente dall'abbandono di sacchi di rifiuti indifferenziati un po' in ogni dove. E se l'impennata portata dal nuovo sistema "porta a porta" (la città è "salita" al 63%) risulta evidente, sul fronte opposto è sempre più visibile la presenza di spazzatura ai lati delle principali provinciali tra i paesi (dove il nuovo metodo è entrato in vigore dopo), a volte nei punti dove una volta erano posizionati i cassonetti tradizionali. “Punti di raccolta” stanno diventando il piazzale di Madonna delle Rocche a Molare, dov’è stata fatta la scelta di rinviare di un anno la transizione, e la piana sotto a Trisobbio. Casi simili sono meno frequenti in città, dove comunque - lunedì scorso - il sindaco Paolo Lantero ha effettuato alcuni controlli insieme all’incaricato di Econet per le “ispezioni ambientali”. Nello specifico, l’esame dei sacchetti individuati è stato effettuato utilizzando lo speciale tablet di Econet che permette di fotografare e inviare al cervellone centrale che a sua volta inoltra alla Polizia Municipale per i provvedimenti del caso.

“Parliamo di ammonimenti, di multe o anche di sanzioni penali, a seconda dei casi”, commenta lo stesso Lantero. La raccolta della plastica è salita da 12,88 tonnellate a 33,8, la carta è passata da 49,6 a 68,56, l’umido addirittura da 28,7 a 77,36. Nel 2017 la percentuale di raccolta era ferma al 38%. “L’obiettivo – spiega Fabio Barisione, presidente del Consorzio Servizi Rifiuti - è ridurre i rifiuti indifferenziati pro capite fino a 120/100 kg l’anno e avere una differenziata che arrivi al 70%, nell’interesse dell’ambiente e della vivibilità dei territori”. C’è però chi punta il dito contro i risultati ottenuti finora. “Raggiungere il 63% di raccolta differenziata con il sistema porta a porta e' un risultato deludente – è l’attacco affidato dal Movimento Cinque Stelle di Ovada alla pagina Facebook -  Sappiamo tutti che gli ovadesi sono restii ai cambiamenti, ma evidentemente questo non basta a giustificare il risultato. Ad Acqui le cose sono andate meglio, ma ricordiamoci che li hanno anche usato telecamere nascoste, messe qua e la, che sono servite per far capire che il territorio è presidiato, il che non guasta. La Giunta di Ovada ha ancora una volta dimostrato la propria mancanza di polso nel prendere le decisioni necessarie. Diciamo poi che la solita lentezza dell'amministrazione nel decidere e rendere pubbliche le tariffe non aiuta sicuramente”.

21/01/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film