Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

"Cosa faremo quando i cinghiali arriveranno in piazza della Libertà?"

La provocazione di Federcaccia vuol porre l'accento su un settore male organizzato e continuamente 'impallinato' dalla politica regionale. "Senza i cacciatori chi fermerà gli ungulati?"
 ALESSANDRIA – Impugnata la legge regionale in alcuni punti, Federcaccia attende che TAR o il Consiglio di Stato si pronuncino contro quelle che per i cacciatori rappresentano limitazioni all'attività, sia nelle spiece cacciabili, sia nei giorni di uscita. La sensazione è che fino al termine della stagione venatoria non arriverà alcun  verdetto.
Ma non importa, l’associazione che conta il maggior numero di tesserati è determinata a far valere le proprie ragioni, già che la caccia in Piemonte, quest’anno, è stata compromessa. Il bilancio laconico per i cacciatori alessandrini lo stila Francesco Carosio, presidente provinciale: “E’ andata malissimo! La caccia così non può più avere futuro, almeno con le regole imposte in regione. Qualcuno sarà contento – a partire da certi politici e amministratori che stravolgono le leggi per rendere la caccia un’attività sempre più difficile – ma non tutti i territori la pensano così. Basti vedere la Liguria o la Toscana”.

Carosio fa due conti: “Solo per uscire col fucile servono 500 euro, tutte tasse”. Ma è tutto il settore caccia a non funzionare come dovrebbe: “Regolamenti continuamente cambiati, una legge regionale del 2000… tantissime spese e organizzazione allo sbando. Una su tutte per renderenl'idea della disorganizzazione: sono stati ‘lanciati’ i fagiani sotto ad un diluvio solo perché era già in programma. Chiunque conosca un minimo quel tipo di fauna sa che le zampe infangate appesantiscono e non fanno volare, quindi non si spostano. Peggio di così non si può. Bisognerebbe ricostruire tutto”.

Qualcuno esulterà per il de profundis della caccia piemontese, “Ma quando i cinghiali arriveranno in piazza della Libertà cosa dovremmo fare? Questi ungulati sono i nemici della caccia e dell’agricoltura – devastano i campi, ma uccidono anche i cuccioli – allora lancio un appello agli agricoltori: venite con noi in Regione, andiamo a chiedere dove sono le nostre quote accantonate per i danni”.

Una ultima considerazione generale sull’attività venatoria, che nell’epoca contemporanea si è adattata ai cambiamenti generazionali: “Se ancora oggi dalla notte dei tempi abbiamo selvaggina è perché il cacciatore ha sempre rispettato la fauna. Sono più i cacciatori e le guardie venatorie volontarie che formiamo noi a segnalare problemi ambientali”.
13/11/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film