Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Salvini lancia l'autonomia: "meno Stato ed Europa, più servizi per i piemontesi"

Il leader della Lega Nord ha incontrato militanti e giornalisti al Dlf per rilanciare il percorso referendario per il Piemonte, sulla scia di altre regioni che hanno già votato per ottenere una maggiore autonomia: "è un percorso complessivo che va da Nord a Sud e deve consentire di trattenere più fondi provenienti dalle tasse sul territorio"
ALESSANDRIA - Matteo Salvini è tornato nel capoluogo alessandrino martedì 28 novembre per incontrare stampa e cittadini con l'obiettivo di lanciare l'autonomia del Piemonte, un percorso da costruire su base istituzionale ma "coinvolgendo direttamente i cittadini, specie se la Giunta Regionale proseguirà nella direzione intrapresa, vale a dire quella di opporsi al referendum". 

A fare gli onori di casa è stato Riccardo Molinari, che in città ricopre l'incarico di assessore e che sarà uno dei nomi di punta del carroccio alle prossime elezioni politiche. 

"Dopo Veneto e Lombardia ora tocca a noi, e il Piemonte ha gli strumenti istituzionali per il referendum, che è già previsto dal suo statuto, anche se manca la legge che spieghi e disciplini come farlo" - ha esordino Molinari, incontrando i giornalisti. "Per mesi però l’amministrazione regionale non ha risposto alle nostre richieste e anzi si è dichiarata contraria a portare il Piemonte al voto. Ora quindi vogliamo mobilitare direttamente le persone. Come Lombardia e Veneto è giusto avere maggiore autonomia e trattenere una parte più grande del gettito fiscale che da qui viene generato".

A seguire è intervenuto direttamente Matteo Salvini, spiegando che l'obiettivo della Lega è la riorganizzazione del Paese "sulla base delle autonomie, da nord a sud: meno vincoli ci sono a livello statale ed europeo e meglio è. L’autonomia riguarda la scuola, la salute, l’ambiente, la giustizia, giusto per fare alcuni esempi. Lo stato centrale impedisce di prendere scelte a livello regionale che farebbero risparmiare i cittadini e ottenere servizi migliori. Tante regioni si stanno muovendo in questa direzione e ovviamente questo percorso virtuoso sarà più semplice da compiere se vinceremo a livello nazionale, il che è possibile solo con un progetto di centro destra serio".

"Alessandria è stata una delle più grandi soddisfazioni a livello elettorale negli ultimi mesi - ha poi sottolinato il leader della Lega parlando del nostro capoluogo - e sono soddisfatto di quello che è stato fatto, ma sono un perfezionista e tornerò presto qui per verificare come procedono le cose".  
29/11/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi