Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Aral: dalle ditte creditrici proposta rivisitata. Potrebbe essere il “piano B” tanto sperato?

Incontro tra la Koster, la Solero Scarl e Euroimpresa con l'amministrazione comunale e rivalutazione della prima proposta (cessione 49% quote) per salvare Aral. Ora si punta al “concordato in continuità” con la realizzazione da parte della Solero Scarl delle due vasche della discarica. Ma c'è ancora aperta (fino al 6 luglio) la gara per l'affitto del ramo d'azienda. Potrebbe essere il piano B tanto sperato da molti? E in tutto ciò, Amag?
 ALESSANDRIA - Solo pochi giorni fa la proposta avanzata da alcune ditte creditrici di Aral (Koster Srl, Solero Scarl e Euroimpresa Srl) come alternativa alla procedura di affitto di ramo d'azienda sembrava per loro l'unica strada possibile per “salvare Aral”. Non dello stesso parere era l'amministrazione comunale di Alessandria, che per lungo tempo non ha aperto il dialogo su questa possibile variante. Ma sabato scorso c'è stato il confronto tra gli avvocati che seguono la partita per i maggiori creditori (per un totale di 4 milioni) e l'assessore Paolo Borasio.

“La proposta è stata rivisitata ed è stata formalizzata dalle aziende martedì sera” e ora sembra esserci qualche chance in più per prenderla seriamente in esame. Intanto si parla di “postregazione del credito”, termine giuridico che prevede all'interno di un concordato preventivo di accettare di essere pagati dopo tutti gli altri creditori. Poi secondo le tre ditte per salvare Aral bisogna fare un “concordato in continuità” e non “liquidatorio” (quello previsto con la strada dell'affitto di ramo d'azienda) nel quale la Solero Scarl che ha vinto la gara per la realizzazione della settima vasca della discarica di Solero “anticiperebbe i soldi, circa 800 mila euro, per la realizzazione delle due vasche che servono (settimana e ottava) senza essere pagati subito da Aral, ma solo in un secondo momento quando grazie alla ripresa dei conferimenti riuscirà a tornare a guadagnare”. Lì i primi 800 mila euro saranno però resi alla Solero Scarl che li ha anticipati.
Inoltre con una ripresa da parte di Aral del trattamento dei rifiuti a Castelceriolo – tanto dai comuni, quanto da terzi, come ad esempio Amiu Genova – la società dovrebbe “rimettersi in sesto” e una volta risanata potrebbe mettere in vendita una parte minoritaria (49%) delle quote. Con il ricavato di questa cessione ad un socio, “sarebbero restituiti i 4 milioni di crediti alle tre ditte, o comunque un valore prossimo a quella cifra sulla base del ricavato di vendita”.

Una soluzione “alternativa”: potrebbe essere il famoso “piano B” che da molte parti è stato chiesto alla amministrazione? Ma senza dimenticare il percorso “parallelo” che per ora è in itinere, ovvero la gara per presentare l'offerta per l'affitto del ramo d'azienda, che ormai non si può interrompere. Sempre che entro il 6 luglio arrivino delle offerte, visto che per ora le manifestazioni d'interesse sono arrivate da più parti (Koster compresa, ma anche Amag Ambiente, Benfante Spa e Torricelli Srl) ma non è detto si trasformino in proposte concrete.

E in tutto questo nuovo scenario, complesso sotto diversi aspetti, che si sta venendo a creare....Amag? Che fa? Vista la chiara posizione dell'amministrazione di Alessandria di arrivare alla unificazione di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti in un unico soggetto. “Noi ci aspettiamo che Amag dica la sua e magari sull'esempio di Koster e delle altre faccia anche lei la sua proposta su questa linea” sono le chiare parole, quasi di appello, dell'assessore Borasio. “Resteremmo perplessi se non arrivasse nessuna presa di posizione”. Di tempo per le valutazioni, i confronti ce n'è ancora un po'...ma per il momento da quel fronte tutto tace.
28/06/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film