Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Svolta a Villa Gabrieli: sarà data in gestione

Dal comune una lettera di intenti per facilitare l'accordo tra Asl, associazione Vela e fondazione Cigno. Volontariato e aziende per il recupero del parco di via Carducci
 OVADA - Una lettera d’intenti firmata dal sindaco di Ovada Paolo Lantero. E’ il tassello che mancava e potrebbe sbloccare la trattativa tra Asl Al, associazione Vela e fondazione Cigno per la gestione a titolo gratuito del parco di Villa Gabrieli, il parco accanto a via Carducci oggetto l’estate scorsa di un primo tentativo di recupero e indicato dalle sue realtà del volontariato per il progetto rivolto ai pazienti oncologici “Coltiviamo il benessere”. L’annuncio è arrivato ieri, presso il Day Hospital oncologico dell’ospedale di Ovada, nella festa di Natale organizzata dalle due associazione, alla presenza del direttore amministrativo dell’Asl Valter Arpe e del direttore del Distretto Sanitario, Claudio Sasso. “La condizione che abbiamo posto – spiega lo stesso sindaco – è che il parco rimanga di uso pubblico. E in questo casi ci pare giusto, come amministrazione contribuire”. Il progetto “Coltiviamo il benessere” si è sviluppato nel 2017 anche grazie al contributo di imprese e volontari del territorio: dagli 800 mila litri di acqua messi a disposizione dalla ditta Gollo per il laghetto, che è stato ripulito e sistemato (a breve arriverà anche una nuova pompa), ai 18 metri cubi di ghiaia usati per risistemare i vialetti e donati da un cittadino che ha chiesto di restare anonimo. Stessa scelta, quella di non svelare il proprio nome, fatta da chi ha regalato 7 panchine, 5 cestini per la raccolta differenziata e 4 espositori. Gli spazi aperti dovrebbero diventare punti per lo sviluppo delle attività rivolte ai pazienti cronici, ma anche per consentire loro di godere del contatto con la natura in un luogo bello. Nell’occasione è stato fatto anche il punto delle donazioni ricevuto dall’ospedale nell’ultimo anno.: i 10 quadri fotografici della fotografa Orietta Chiarelli Cocco, i 5 deambulatori per i reparti donati dall’Interact Club del Centenario, i 4 letti per il day hospital oncologico donati dalla signora Becchelli Piana e i 2 forniti dagli «Amici del Tamburello».

20/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello