Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Il Consiglio Comunale vota l'ultimo consuntivo

Prima della discussione Boccaccio e Viano offrono rose rosse alle donne presenti. Al termine offerti pasticcini e baci di dama
OVADA - Cala il sipario sulla legislatura. L’ultimo atto è l’approvazione del consuntivo 2013. Per il sindaco uscente Andrea Oddone diventa l’occasione per rivendicare la virtuosità dell’ente presieduto negli ultimi 10 anni. “Il bilancio pareggia a circa 12.653.000 euro. Dagli atti si desume un avanzo di amministrazione di 399 mila euro, una percentuale del 3% rispetto al volume d’affari complessivo coerente con una buona gestione. Il fondo cassa è 1.590.000 euro. Rispetto all’anno precedente manca quasi 1 milione ma non è stato considerato il gettito della seconda rata della Tares che per scelta è stata posticipata al febbraio di quest’anno. I nostri pagamenti ai fornitori in media sono a 59 giorni dall’emissione della fattura”. Il bilancio è stato approvato con il voto contrario dei Consiglieri Eugenio Boccaccio, Fulvio Briata e Gianni Viano, l’astensione di “Per Ovada” guidata da Sergio Capello.

Viano: “Tra le tante cose non fatte penso alla mancata riqualificazione del centro storico, quando al momento di presentare il progetto non avete nemmeno capito le linee guida contenute nel bando”. .  “Si tratta di un pareggio  di facciata – ha attaccato l’ingegner Eugenio Boccaccio – che dietro una mascherata virtuosità nasconde gli errori compiuti in questi cinque anni e occulta un vasto malcontento per promesse fatte e mai realizzate”. . “Plaudo al fatto che il bilancio sia in attivo – è intervenuto Fulvio Briata – Sarebbe opportuno mantenere la promessa fatta di abbassare l’Imu in caso di gettito superiore alle previsioni. Chiedo poi di destinare 30, 40 mila euro per la realizzazione di un valido servizio di telesoccorso per gli anziani.

“Sono stati cinque anni di grande criticità – ha replicato dai banchi della Maggioranza il capogruppo Mario Esposito – I cambiamenti normativi hanno reso il nostro ente sempre più un esattore, meno un programmatore. Rispetto a cinque anni fa la riduzione dei trasferimenti è stata del 30%. Si parla spesso di spending review. Qui la stiamo facendo da anni. E’ chiaro che questo poi condizioni le scelte. Ci sentiamo di dire di aver mantenuto le promesse in ambito sociale cercando di non far mancare i servizi essenziali”.

 Ad approvare il bilancio di previsione 2014 penserà la prossima Giunta come da accordi tra i capi gruppo della presente legislatura

30/04/2014
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macall? "Movie Blues"
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Intervista ad Antonio Caprarica a La Torre di Carta di Novi Ligure
Arti tra le mani
Arti tra le mani
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello