Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Tagliolo

Vendemmia Jazz: la musica torna tra le vigne

Al via tra pochi giorni l'undicesima edizione della rassegna musicale. Da quest'anno collaborazione tra "Due sotto l'ombrello" e Enoteca Regionale. Sabato 15 visita guidata e narrata tra le colline dell'Ovadese
TAGLIOLO - Si arricchisce di un nuovo capitolo “Vendemmia Jazz”, il festival musicale organizzato da “Due sotto l’ombrello” giunto alla sua undicesima edizione. Da sempre l’obiettivo della manifestazione è coniugare musica, territorio e il suo prodotto di punta, il Dolcetto che nasce sulle colline dell’Ovadese. L’ulteriore passo nasce con “Vendemmia Live”, una visita guidata sulle strade del vino organizzata per sabato 15 settembre, con la regia dell’associazione Les Carrelages,  con il coinvolgimento di quattro aziende produttrici e un racconto narrato tra storia, aneddoti e tradizione contadina. La manifestazione vera e propria prenderà il via il 13 settembre e da quest’anno si avvale della collaborazione dell’Enoteca Regionale che ospiterà il primo concerto. Di scena, dalle 21.15, il Luca Falomi Esperanto Trio formato dalla chitarra acustica di Falomi, dal contrabbasso di Riccaro Barbera e la batteria di Rodolfo Cervetto. “La caratteristica – racconta il direttore artistico della manifestazione, Antonio Marangolo – degli artisti impegnati è quella di essere scrittori oltreché esecutori della musica eseguita. La scelta è fatta anche per coinvolgere orecchie meno avvezze alle sonorità del jazz in modo da coinvolgere più ascoltatori”. “Cerchiamo di unire musica, cultura e conoscenza di un territorio che ne ha molto bisogno – aggiunge Gino Gaggero, coordinatore della rassegna – La sinergia nata quest’anno con l’Enoteca non potrà che arricchire e potenziare la nostra idea. Così come non riusciremmo a organizzare nulla senza il prezioso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria”.

Venerdì 14 settembre, nella suggestiva sede del Castello di Tagliolo, si esibirà proprio il sax di Antonio Marangolo con il Blank Verse Quartet. La proposta è quella di un jazz contemporaneo, una piacevole contaminazione di stili tra Scandinavia, Stati Uniti e Africa. Nell’occasione si aggiungerà la voce recitante Laura Gualtieri. Altro giro, altro castello, la manifestazione si sposterà al Castello di Roccagrimalda dove sabato 15 settembre sarà di scena il trio Zenophilia, con la batteria di Zeno de Rossi, il sax e il flauto di Piero Bittolo Bon, il trombone di Filippo Vignato. La proposta è un viaggio tra suggestioni funk e rithm and blues, marche sghembe e improvvisazioni oblique.   

L’ingresso ad ogni concerto costa 10 euro; il mini abbonamento per i tre spettacoli è al prezzo di 20 euro. La visita guidata di sabato 15, ritrovo presso i locale dell’Enoteca alle 15.00, richiede la prenotazione presso l’ufficio Iat di Ovada fino a un massimo di 20 iscritti. Per ulteriori informazioni: 338.18.08.313 oppure vendemmiajazz@gmail.com.

 

9/09/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé