Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

Logistica, il Nord Ovest rilancia la sfida mentre Alessandria...

Piemonte, Liguria e Lombardia si ritrovano a Genova per il secondo incontro dopo Novara. Gli assi di sviluppo passano per la provincia che però viene coinvolta solo in parte, in attesa di risolvere alcuni nodi del terzo valico ferroviario
ECONOMIA E LAVORO – Il Nord Ovest rilancia la sfida su logistica, trasporti, infrastrutture. Lo fa ripartendo da Genova (più politicamente che economicamente), guardando a Torino e Milano e con uno sguardo che avvolge anche l'Alessandrino sul cui territorio scorre l'asse Genova – Rotterdam. Mentre la Regione Piemonte ha deciso di istituire un fondo pari a 200.000 euro all’anno per tre anni da utilizzare "per l’applicazione di incentivi destinati a favorire il trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia, riducendo i costi del trasporto su ferro, e per attuare l’iniziativa, promossa nell’ambito della Cabina di Regia per la Logistica del Nord-Ovest, della creazione di un 'ferrobonus' regionale, la vicina Genova ospiterà il 22 maggio il nuovo incontro fra le Regioni Liguria, Piemonte e Lombardia, alla presenza dei rispettivi presidenti Giovanni Toti, Sergio Chiamparino e Roberto Maroni. Quelle che un anno fa a Novara hanno firmato il "Protocollo di intesa per l'attuazione delle iniziative strategiche del sistema logistico del nord ovest". Nel prossimo appuntamento dovrebbero essere focalizzate le azioni necessarie aumentare la centralità dei porti di Genova e Savona, capaci di assicurare la movimentazione delle grandi navi portacontainer, e la connessione con le reti ferroviare, e stradali, che corrono lungo gli assi nord – sud ed est – ovest che sono funzionali a una macroarea europea in cui si concentra un pil (prodotto interno lordo) che oscilla dal 18 al 27 per cento di quello dell'Unione europea.

E Alessandria quale ruolo potrà giocare? Importante rispetto al nodo interportuale di Rivalta Scrivia dove, pur a fronte di limiti strutturali della rete ferroviaria, è potenzialmente possibile fare aumentare i traffici da Genova (il legame è storico) e da Savona per consentire servizi di 'feederaggio' ferroviario competitivi con i retroporti attraverso interventi definiti 'leggeri' per risolvere le problematiche attraverso gli itinerari via San Giuseppe di Cairo – Alessandria. La revisione di alcune varianti nel Novese potrebbero consentire di introdurre una gestione di smistamento dei convogli per indirizzare i flussi su più assi, ma quello che sembra restare ancora una volta fuori dai giochi è il capoluogo e l'area dello scalo ferroviario. Gli unici adeguamenti previsti sono quelli per adattare la linea al passaggio delle nuove sagome dei vagoni portacontainer che sono di maggiori dimensioni. L'unica linea pronta è la Genova – Ovada, ma non mancano elementi critici, sottolineati dagli operatori, come "i tempi e costi di manovra a Genova e Voltri; l'operatività della stazione di Rivalta Scrivia e alcuni limiti prestazionali". Mentre il nodo di Novara sta lavorando al limite della capacità e ha bisogno di ampliamenti e potenziamento perché lo spazio a disposizione è praticamente finito, Alessandria, dove lo spazio c'è, rimane fuori da questi giochi.

Per comprendere meglio le potenzialità, ma anche le criticità e i limiti strutturali, ecco qualche dato riassunto nel dossier della logistica presentato l'anno scorso agli 'Stati generali della logistica del Nord Ovesti' che si sono svolti a Novara. Allo stato attuale la quota modale della ferrovia, rispetto al trasporto delle merci, varia "dal 13 per cento del traffico totale a Genova – Voltri al 35 per cento di La Spezia, primo porto italiano per l’utilizzo della ferrovia e quota ferroviaria allineata ai principali porti europei, mentre a Savona costituisce una quota del tutto residuale. Le future quote modali attribuite alla ferrovia, qualora si realizzino tutti gli interventi previsti (progetti di potenziamento di Genova, Voltri e La Spezia, nuova piattaforma multipurpose di Vado il cui avvio operativo è previsto per l’anno 2018), si elevano – si legge sul rapporto - fino al 50 per cento di La Spezia e al 40 per cento degli altri porti liguri. Il potenziale del traffico container via ferrovia totalizzerebbe oltre tre milioni di teu (twenty-foot equivalent unit: unità da 20 piedi, pari a circa 6,1 metri di lunghezza che è la misura standard di un container) rispetto a un traffico totale che, a regime, traguarda la soglia dei 6,8 milioni di teu".  
18/04/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



I prossimi obiettivi della CISL di Alessandria e Asti
I prossimi obiettivi della CISL di Alessandria e Asti
Intervista a Milena Vukotic, Lucia Poli, Maril? Prati "Le Sorelle Materassi"
Intervista a Milena Vukotic, Lucia Poli, Maril? Prati "Le Sorelle Materassi"
Intervista al regista Marco Sciaccaluga allo Stabile di Genova
Intervista al regista Marco Sciaccaluga allo Stabile di Genova
Giro dell'Appennino, tutto pronto per il via
Giro dell'Appennino, tutto pronto per il via
Bozzetti e lavori degli studenti per la realizzazione del "murale contro la violenza"
Bozzetti e lavori degli studenti per la realizzazione del "murale contro la violenza"
Tir travolge sull'A10 squadra di lavoro da Ovada
Tir travolge sull'A10 squadra di lavoro da Ovada