Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

La prima neve della stagione come "rodaggio" del piano della Provincia

La Provincia: "Possibili contrattempi e disagi ma si garantisce che i problemi che eventualmente si verificheranno saranno esaminati e possibilmente risolti". Tutte le raccomandazioni per chi deve mettersi in viaggio in caso di neve
PROVINCIA - Le previsioni meteorologiche che indicano la forte probabilità di precipitazioni nevose anche a bassa quota sul territorio alessandrino nelle giornate di venerdì 1 e sabato 2 dicembre e il successivo calo delle temperature con conseguenti gelate notturne e mattutine, portano alla ribalta i problemi connessi alla gestione della circolazione sulla viabilità extraurbana. Come prima cosa da ricordare a tutti gli utenti delle strade di competenza della provincia è che esiste un'ordinanza che dal 15 novembre al 15 aprile di ogni anno, su tutte le tratte extraurbane impone per tutti i veicoli a motore, esclusi i ciclomotori a due ruote e i motocicli, mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e ghiaccio in caso di presenza di fenomeni atmosferici avversi o di probabile presenza di ghiaccio a terra. Per lo stesso periodo, anche se le criticità metereologiche sono solo astrattamente prevedibili, l'ordinanza impone di avere a bordo i mezzi antisdrucciolevoli. Al di fuori del periodo previsto l'obbligo è imposto al verificarsi di precipitazione nevose o formazione di ghiaccio.

È importantissimo che chi si metta in viaggio durante una nevicata o anche soltanto quando le previsioni annunciano la possibilità di neve o ghiaccio e comunque nel periodo invernale, faccia in modo che il suo mezzo sia perfettamente in grado di circolare in sicurezza. Si ricorda che anche il Codice della Strada prevede che il conducente del veicolo adatti il proprio stile di guida alle condizioni ambientali nelle quali si viene a trovare. Quindi si chiede di porre la massima attenzione alle previsioni meteorologiche ed alle condizioni dei propri mezzi, oltre ovviamente ad evitare distrazioni.

L’attività della Provincia per la pulizia delle sue strade è quella contemplata dal Piano Neve. Questo prevede che quando le condizioni meteo sono tali da compromettere la normale circolazione si avvii da prima lo spargimento del sale, per evitare il più possibile la formazione del ghiaccio o per rallentare l’accumulo della neve, e successivamente, con tempi di passaggio definiti in funzione dell’importanza della strada, con la trazione neve. Alla fine della nevicata si procede, se opportuno, con un ulteriore trattamento antighiaccio.

È bene ricordare che, nonostante l’attività della Provincia, non esiste il rischio zero. Ciò significa che anche effettuando lo spandimento del sale e la rimozione della neve, sono le condizioni microclimatiche delle differenti tratte stradali o addirittura delle singole curve, in funzione della loro esposizione, delle correnti d’aria, etc. a mantenere temperatura, umidità e pressione in combinazione tale da non impedire la formazione di lastre di ghiaccio, anche sottilissime, di impossibile eliminazione. Inoltre fenomeni particolari come la pioggia congelante sono imprevedibili nella loro localizzazione (puntuale) e nel tempo di accadimento (letteralmente fulminei) e a volte letali.

Nel caso specifico delle nevicate annunciate per il prossimo fine settimana, trattandosi del primo evento della stagione, la Provincia comunica che è possibile che si verifichino contrattempi e conseguentemente disagi. Questo perché la macchina operativa è costituita da circa un centinaio di cottimisti che, pur coordinati, si mettono contemporaneamente al lavoro con normali problemi di comunicazione, operatività, etc. Dalla Provincia l'appello quindi di comprendere le difficoltà e di considerare la cosa come il rodaggio della complessa attività di manutenzione invernale. “Si garantisce fin d’ora che i problemi che eventualmente si verificheranno saranno esaminati e possibilmente risolti - dicono dalla Provincia - si auspica che i Comuni considerino la possibilità, ovviamente in funzione della tipologia di nevicata, di allertare i Com o il loro personale di protezione Civile per garantire eventuali servizi di supporto alla popolazione, come ad esempio il tempestivo raggiungimento di frazioni isolate. Si ricorda ancora che il sindaco, al fine di garantire la pubblica incolumità dei propri cittadini, può disporre interventi integrativi o anche sostitutivi di messa in sicurezza delle strade provinciali che attraversano il loro territorio, nel caso in cui la Provincia non riuscisse ad operare nei tempi o nei modi adeguati”.
1/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello
Sentiero 748: il percorso ad anello sulle cime di Mombello