Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Gnocchetto: una lapide per ricordare i caduti nelle due guerre

Sabato 3 novembre, alle ore 11, nel piazzale della Chiesa del Santissimo Crocifisso di Gnocchetto verrà inaugurata la lapide in ricordo dei 38 caduti delle due Guerre Mondiali

OVADA - Sabato 3 novembre, alle ore 11, nel piazzale della Chiesa del Santissimo Crocifisso di Gnocchetto verrà inaugurata la lapide in ricordo dei 38 caduti delle due Guerre Mondiali, nati o vissuti nelle frazioni Gnocchetto d’Ovada e Santo Criste di Belforte e nelle cascine del circondario. Dopo la benedizione della lapide ed il discorso del sindaco di Belforte Monferrato (Comune che si è fatto carico della realizzazione e che ospiterà la lapide), verranno brevemente ricordati tutti i caduti. In tutto sono trentotto: diciannove della Prima Guerra Mondiale ed altri diciannove della Seconda Guerra Mondiale; 17 erano nati nel comune di Ovada, 9 nel comune di Belforte, 7 nel comune di Tagliolo, 5 nel comune di Rossiglione. Si tratta di persone morte in campi di concentramento in Russia e in Germania, fucilate, decedute in combattimento, morte per ferite di guerra o gravi malattie, disperse in Russia o in Jugoslavia, scomparse dopo affondamenti navali.

Erano ragazzi di età compresa tra i 19 ed  i 43 anni. Di molti di loro si stava perdendo ogni ricordo. La ricerca sui caduti è stata svolta da Renzo Pastorino che, per ognuno di loro, è riuscito ad individuare la località di nascita o di residenza, i nomi dei genitori, la località o nazione in cui sono morti, le date di nascita e morte o scomparsa. La ricerca è durata due anni ed ha interessato un territorio vastissimo, situato intorno alla frazione e suddiviso tra i comuni di Ovada, Belforte, Rossiglione e Tagliolo. Per l’occasione, è stato stampato un fascicolo che contiene le informazioni sulla storia dei trentotto caduti, alcune riflessioni sulla ricerca ed i ringraziamenti rivolti a tutte le persone che hanno collaborato. Un ringraziamento particolare viene rivolto all’Amministrazione Comunale di Belforte, ai parenti dei caduti e a tutte le persone che hanno fornito informazioni. I caduti della Prima Guerra Mondiale sono: Francesco Pastorino, Pasquale Pastorino, Antonio Olivieri, Giovanni Puppo, Antonio Olivieri, Antonio Sciutto, Andrea Caneva, Domenica Caneva, Stefano Piccardo, Stefano Oddone, Giovanni Battista Ottonello, Giuseppe Barisione, Enrico Sobrero, Gerolamo Salvatore Barisione, Antonio Olivieri, Simone Pastorino, Antonio Luigi  Gaggero, Bernardo Giovanni Gaggero, Giovanni Battista Gaggero. I caduti della Seconda Guerra Mondiale sono: Giulio Subrero, Giuseppe Olivieri, Santino Olivieri, Giovanni Pesce, Bartolomeo Caneva, Carlo Caneva, Pietro Caneva, Dario Leveratto, Pietro Repetto, Angelo Luigi Subrero, Renato Bruzzo, Andrea Barisione, Tomaso Pastorino, Andrea Odone, Paolo Sobrero, Giacomo Barisione, Francesco Subrero, Bernardo Barigione, Andrea Odone.

 

2/11/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sezzadio: la "Marcia per l'acqua" contro la discarica
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria