Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Cremolino piange il volto del Bel Soggiorno: addio a Mario Benzo

Per oltre cinquant'anni, dietro ai fornelli del ristorante al centro del paese, ha saputo promuovere l'Ovadese e conquistare stelle dello spettacolo e dello sport
CREMOLINO - La sua cucina con una fortissima impronta legata all’Alto Monferrato ha saputo conquistare, tra gli altri, i palati di Anita Ekberg e Julia Roberts, di Gaetano Scirea e Franco Scoglio, di Eather Parisi, Folco Quilici e dei Pooh. Cremolino piange la comparsa di Mario Benzo. Per cinquant’anni è stato il proprietario del ristorante “Il bel soggiorno”, situato nella centralissima piazza del paese, una vera istituzione in tutto l’Ovadese e testimonial dell’Ovadese. Il suo piatto più famoso era il fritto misto alla piemontese di cui andava fiero e che si era per la qualità in importanti concorsi gastronomici italiani e internazionali. “Tra le sue specialità – spiega la figlia, Maria Virginia Benzo – oltre al fritto misto, tanti antipasti, i i ravioli, i taglierini tutto rigorosamente fatto a mano, i dolci. Vorrei fare dei ringraziamenti particolari a tutti i clienti che in 50 anni hanno apprezzato la sua cucina, all’equipe sanitaria che si è occupata delle cure domiciliari; in particolare il dottor Angelo Barisione e le infermiere che negli ultimi due anni sono stati vicini, non solo dal punto di vista professionale ma soprattutto dal punto di vista umano, alla nostra famiglia. Intraprendere la scelta di curare i propri cari a casa è sicuramente difficile e impegnativa ma credo, ove sia possibile, che valga la pena far vivere la malattia con serenità a chi sta soffrendo e spesso è indifeso. Vorrei ringraziare tulle le persone che ci sono state vicine nei momenti più difficili: amici e parenti che hanno condiviso con noi gli ultimi giorni di papà dove ancora una volta il cibo ci ha uniti e confortati”. Di seguito pubblichiamo la lettera che la figlia ha dedicato al padre durante le ultime notti.

“Le  tue mani. Le tue mani, che già da piccole lavoravano la terra, hanno fatto il vino e retto damigiane, poi hanno dato vita alla tua grande passione, iniziando a tagliare, mescolare, e impastare per soddisfare anche i palati più esigenti. Mani coraggiose, generose, sempre operose, che in questi anni ci hanno insegnato che la passione può dare vita ai sogni. Le tue mani che ci hanno accarezzato, insegnato, danzato, hanno saputo tenerci uniti facendoci apprezzare il piacere di aggregare, creando momenti conviviali unici e indimenticabili, cene e pranzi tra amici. In queste ultime notti, quando le muovevi, immaginavo che stessi impastando per noi…e ritrovarci a tavola come per una giornata speciale. Le tue mani papà rimarranno sempre nel cuore di tutti ma soprattutto nel mio. Mavi”.

8/02/2019
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film