Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Se il carcere diventa una nave diretta in America...

Domenica si è tenuto presso la cappella-teatro della casa circondariale Catiello-Gaeta lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale "Arte espressione del Sé", organizzato dall'associazione "La Brezza Onlus" di Torino e ispirato al monologo "900" di Baricco: il risultato è stato un lavoro emozionante, ricco di buone storie da raccontare
ALESSANDRIA - Domenica 17 giugno nel teatro della Direzione degli Istituti Penitenziari di Alessandria, presso il carcere Catiello-Gaeta (ex don Soria), si è tenuto lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale “Arte espressione del Sé”. 

L’evento rientrava nell’ambito del Progetto “Il Senso dei Sensi”, realizzato dall’associazione di ascolto “La Brezza Onlus”di Torino tratto dal monologo “900” di Alessandro Baricco.

A portarlo in scena la compagnia del carcere, creata per l'occasione e destinata, almeno nella speranza degli attori e della direttrice, Elena Lombardi Vallauri, a proseguire l'attività anche in futuro. 

La metafora del viaggio oltreoceano, su una nave diretta in America, è stata il contenitore ideale per un lavoro intriso di emozioni e poesia, capace di coinvolgere il pubblico presente, chiamato ad arricchire le performance proposte con suoni prodotti da utensili creati con ciò che è possibile utilizzare in carcere, dalle bottigliette d'acqua alle capsule del caffé.



L'effetto è stato potente, con attori immedesimati nella propria parte e capaci di portare in scena la "terza classe", quella forse più bisfrattata ma anche capace di regalare le storie più intense e, come dice Baricco, "non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla".

Negli oblò dipinti dagli stessi attori sogni e visioni di ciò che si trova all'esterno, meta di un viaggio che può sembrare interminabile, ma che diventa più sopportabile quando ci sono compagni con cui condividerlo, amici con cui fare musica, recitare poesie, lasciarsi andare a una risata o a un passo di danza. Ad accompagnare le diverse performance anche la musica dal vivo, tastiera e chitarra capaci di coinvolgere anche il pubblico in momenti d'improvvisazione ed empatia.

Un risultato complessivo notevole, che ha perfettamente centrato l'obiettivo di fornire strumenti agli ospiti dell'Istituto penitenziario per fare arte ed esprimere se stessi, ma anche per lanciare un messaggio all'esterno, carico di umanità e voglia di non essere dimenticati.

E' attraverso questo genere di iniziative che il carcere può offrire speranza di cambiamento autentico, di un reinserimento pieno nella società, perché anche se il percorso è lungo, prima o poi ciascuno inizierà ad avvistare l'America, una nuova occasione da cogliere, anche grazie a tutto ciò che si è imparato durante il viaggio per raggiungerla. 



 



18/06/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018