Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cassine

La pioggia non ha fermato la Festa Medievale di Cassine

Fin dalle 15, quando si è dato accesso al borgo, gli spettatori sono affluiti per vivere l’autenticità del Medioevo. Molti si sono fermati e intrattenuti per l’intera durata della manifestazione. Ogni momento della giornata era infatti scandito da un particolare evento
CASSINE - Per il secondo anno consecutivo la pioggia è arrivata a disturbare la Festa Medioevale di Cassine che si è comunque svolta nella giornata di sabato 1 Il tempo, più clemente, nelle ore serali, ha permesso lo svolgimento dello spettacolo “Templari” che ha conquistato i presenti. Come sempre la Festa Medioevale è attesa: da Savona, Torino, Milano, e naturalmente dalla provincia di Alessandria, fin dalle 15, quando si è dato accesso al borgo, gli spettatori sono affluiti per vivere l’autenticità del Medioevo. Molti si sono fermati e intrattenuti per l’intera durata della manifestazione. Ogni momento della giornata era infatti scandito da un particolare evento. Come sempre, tutto è ruotato attorno al complesso monumentale di San Francesco: all’interno della chiesa era possibile ammirare, oltre ai suoi tesori, le foto più belle delle precedenti edizioni in una mostra realizzata da Photo Ring. Lì si è svolto il momento culturale dedicato al Vino, e sul sagrato si è tenuto lo spettacolo. Tutto intorno il mercato e le postazioni delle compagnie d’armi. Molto apprezzati gli intrattenimenti itineranti. 

“E’ ripreso un ciclo, interrotto alcuni anni fa. Ora la Festa Medioevale si base su tre aspetti fondamentali: la cultura, la spettacolarità e il living history. Divertimento ed educazione. La presenza di gruppi e associazioni storiche attentamente selezionate crea il giusto mix di interesse per un appuntamento a cui la gente si è affezionata. Cassine è nei calendari di chi ha ama il Medioevo. Per questo, sperando in condizioni climatiche finalmente favorevoli, la Festa Medioevale di Cassine tornerà nel primo weekend di settembre 2019. Ringrazio le associazioni Res Gestae, Aleramica, Compagnia del Galletto, Compagnia d’La Crus, Associazione Culturale More Ianuensis, Compagnia della Spada e della Croce, Culturale Speculum Historiae, Associazione Culturale Draco Audax, Milfo, Barbarian Pipe Band, Circolo Marchesi del Monferrato, Teatro dell’Aleph, Photo Ring, Gli Amici del Capanno e tutti i volontari che hanno collaborato con Arca Grup per questa edizione, e poi tutti coloro che ci hanno sostenuti Comune di Cassine, Città di Alessandria, Provincia di Alessandria, Regione Piemonte, Alexala, Fondazione CRA, Amag, Fondazione CRT. In questo anno particolare per Arca Grup, stiamo ragionando su un nuovo avvenimento perché 40 anni di attività vogliono dire tantissimo per la cultura e la promozione di Cassine. Dunque non un arrivederci a settembre, ma a presto!” afferma il presidente di Arca Grup, Mauro Conte.
4/09/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi