Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

I social hanno cambiato anche 'la notte': "Disco finita, i giovani non si parlano più"

Stesso risvoltino, stesso telefonino. I giovani d'oggi visti da uno che non li fa annoiare il fine settimana. Per Mike Patitucci l'era della discoteca pura è finita. La musica di oggi? "Meglio quella dei miei tempi..."
ALESSANDRIA - Se ci fosse ancora bisogno di qualche conferma, sì, i social network hanno radicalmente cambiato le abitudini dei giovani, sempre più chiusi in se stessi e con poca voglia di socializzare dal vivo. Parola di uno che dell'intrattenimento e della socializzazione vis à vis ne ha fatta una professione: Mike Patitucci.
Per chi bazzica i locali della provincia e il 'mondo della notte' non ha bisogno di presentazioni, salvo forse ricordare un po' come ha iniziato: “Ho iniziato come è capitato a tanti altri, un po' per caso, organizzando eventi e feste ai tempi dell'università. Avevo un gruppo musicale, ma nessuna esperienza di managing del genere”, confessa, “Ho quindi iniziato per gioco”. Il gioco si è fatto serio, e così ha messo nel cassetto la laurea in giurisprudenza (“Avevo anche tentato il concorso in magistratura”) per dedicarsi a tempo pieno a far divertire gli altri.

25 anni dopo Mike Patitucci dà un giudizio che non lascia scampo alle generazioni dei nativi digitali. Da osservatore privilegiato si sente di affermare che: “I social network hanno cambiato radicalmente il modo di socializzare. Una volta aspettavamo il fine settimana per uscire, incontrare. Oggi i giovani non si parlano neppure più dal vivo, sono tutti stereotipati, tutti uguali. Stesso telefonino, stesso risvoltino: sembrano fatti in serie”.
E poi la musica: “Noi ascoltavamo gli U2, loro sentono musica trap, più o meno commerciale, e poco altro. Il livello è comunque peggiorato”. Va da sé che anche i locali 'vecchia maniera' hanno dovuto scontrarsi con generazioni completamente diverse. “La disco pura è finita, i grandi locali possono servire per festival, eventi e personaggi”. Spazio, allora, ai club e srutture 'polivalenti': “Ambienti più piccoli, ricercati nel genere e nello stile, con una clientela un po' più grande di età”.

Dopo un quarto di secolo passato a far divertire migliaia di alessandrini – e non solo – Mike sta pensando di andare in 'pensione' dal mondo della notte. È forse il momento per prendersi una pausa dal 'movimento', per una va più rilassante. “Tra spa e 18 buche in Val Curone..”.
 
10/03/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Arturo Brachetti incontra Osvaldo Guerrieri per l'anteprima di Passepartout Festival
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO
“HAKUNA MATATA “ per un pomeriggio e una sera “senza pensieri” al TEATRO ALESSANDRINO SABATO 17 MARZO