Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Raccolta differenziata, che fine ha fatto il metodo Contarina

Il comitato Alfare e l'associazione civica Avanti Novi lanciano un grido d'allarme: "Avremmo già dovuto vedere l'avvio del metodo Contarina, che prevede il pagamento non più sulla base dei metri quadrati, ma sulla base della quantità di rifiuti indifferenziati effettivamente prodotti"
NOVI LIGURE – Riceviamo e pubblichiamo dal Comitato liberale Alfare e dall'Associazione civica Avanti Novi, a proposito di raccolta differenziata:

Ormai è quasi un anno che i Comuni aderenti al Consorzio Servizio Rifiuti (del Novese, Tortonese, Ovadese, Acquese) hanno affidato con contratti di servizio la raccolta differenziata “porta a porta” con il cosiddetto “metodo Contarina”: allora si diceva che il tutto sarebbe andato a regime entro il 2018.
Per questo, nei mesi appena trascorsi avremmo già dovuto vedere l’avvio di questa rivoluzione, che prevede il pagamento non più di una Tassa Rifiuti, calcolata sulla base dei metri quadrati di un’abitazione o di un’attività produttiva o commerciale, ma di una tariffa calcolata in base al rifiuto indifferenziato effettivamente prodotto: più differenzio, meno pago.
E invece, ancora nulla: anzi, abbiamo visto i sindaci di Novi Ligure e Tortona “fare melina” sollevando, dopo mesi di silenzio successivi alla firma dei contratti di servizio, dubbi sull’efficacia del “metodo Contarina”, come se ritenessero i propri concittadini incapaci di fare la raccolta differenziata.
Ciò ci stupisce, e parecchio, perché in tema di rifiuti Novi Ligure è stata per tanto tempo all’avanguardia in Piemonte, soprattutto grazie all’opera di Oreste Soro: ricordiamo tutti, infatti, già negli anni Ottanta, i primi contenitori per la raccolta differenziata.
Se ora invece siamo fanalino di coda nella nostra regione, è qualcun altro, e non gli utenti, a doversi fare un esame di coscienza, perché come noi differenziavamo allora, siamo in grado di farlo anche ora.
Non è che qualcuno sta “gufando” perché, dilazionando i tempi, cerca di trarre vantaggio dal mantenimento dello “status quo”?
Di certo non siamo noi cittadini, perché, dal passaggio alle nuove modalità di raccolta e tariffazione, abbiamo tutto da guadagnare.
Comitato liberale Alfare
Associazione civica Avanti Novi
29/03/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



I prossimi obiettivi della CISL di Alessandria e Asti
I prossimi obiettivi della CISL di Alessandria e Asti
Intervista a Milena Vukotic, Lucia Poli, Maril? Prati "Le Sorelle Materassi"
Intervista a Milena Vukotic, Lucia Poli, Maril? Prati "Le Sorelle Materassi"
Intervista al regista Marco Sciaccaluga allo Stabile di Genova
Intervista al regista Marco Sciaccaluga allo Stabile di Genova
Giro dell'Appennino, tutto pronto per il via
Giro dell'Appennino, tutto pronto per il via
Bozzetti e lavori degli studenti per la realizzazione del "murale contro la violenza"
Bozzetti e lavori degli studenti per la realizzazione del "murale contro la violenza"
Tir travolge sull'A10 squadra di lavoro da Ovada
Tir travolge sull'A10 squadra di lavoro da Ovada