Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Politica

Movimento 5 Stelle: ecco chi sono i candidati. Si punta sulle donne

Presentati alla Taglieria del Pelo di Alessandria i candidati nei collegi uninominali e plurinominali del Movimento 5 Stelle per Camera e Senato alle prossime elezioni politiche del 4 marzo. "Nonostante le peculiarità di ogni territorio, la speranza è di arrivare anche qui a percentuali sopra il 40%, mantenendo il livello del nazionale"
 POLITICA - “Personalità di primo livello, rappresentative del tessuto sociale ed economico del territorio. Non certo professionisti della politica come ci hanno abituato i vecchi partiti politici ma persone che arrivano dal mondo del lavoro e dell'impresa”. Queste sono state le parole di presentazione di Paolo Mighetti, consigliere regionale M5S, dei candidati di Alessandria e Asti per le prossime elezioni politiche del 4 marzo.

Al tavolo delle presentazioni alla Taglieria del Pelo (e poco prima ad Asti) di Alessandria c'erano i due parlamentari uscenti alla Camera Fabiana Didone (di Cuneo) e Paolo Nicolò Romano (di Asti) che sono stati ricandidati. Nel loro caso, sono stati portati gli esempi di “cosa si è riusciti a fare”, dei tanti risultati raggiunti da “persone normalissime”. Dalla decadenza del parlamentare Galan, alla tracciabilità dei fondi Cipe. E ancora nella commissione Trasporti, Poste e comunicazioni Romano si è battuto su un argomento come quello degli aeroporti (sedi e compagnie di volo) fino alla questione “digitalizzazione” sulla quale “siamo ancora molto indietro”.

La volontà che emerge dai pentastellati per questa corsa al Governo del paese è chiara: “ci giochiamo tutto con questa nuova possibilità del 4 marzo. Cinque anni fa era diverso, perché dovevamo arrivare ad accendere la luce in una stanza buia. Oggi invece con un programma condiviso e partecipato proviamo a sperare nella costruzione di una Italia 5 Stelle”. Dal grande, il livello nazionale, al piccolo, cioè il livello locale, “con un sindaco per Alessandria a 5 stelle”. Come spera l'avvocato alessandrino Giuseppe Castagna candidato al quarto posto sul plurinominale Camera Piemonte (insieme a Romano che è secondo). Avvocato Civilista attivo principalmente nei settori del diritto Bancario, diritto del Lavoro e diritto dei Consumatori. E' iscritto al Movimento 5 Stelle dal 2012 e fa parte del gruppo di attivisti di Alessandria. Due sono i punti del programma di cui si vorrebbe occupare se venisse eletto: “il tema banche, che devono tornare a fare quello per cui sono nate, con distinzione tra banche affari e banche commerciali, quelle a cui si rivolgono i cittadini”. L'altra grande questione è quella che prevede un coinvolgimento dei cittadini prima di procedere a grandi opere: una su tutte, per il nostro territorio in particolare, è il Terzo Valico”.

All'avvocato tributario di Racconigi Debora Bastiani è stata affidata la parte di programma che riguarda la “riforma” della giustizia tributaria nella visione 5 stelle, che va dalla “giusta distribuzione tributaria” alla “vera parità delle parti”, fino ad un alleggerimento fiscale che grava sulle famiglie e sulle imprese. “Ad esempio una nostra proposta – spiega la candidata – è quella di abbassare e redistribuire gli scaglioni Irpef. Passando poi anche ad una riduzione Irap...fino ad arrivare man mano alla sua eliminazione”.

Insieme a Giuseppe Castagna ci sono altre tre candidate “rosa” della provincia alessandrina: Mariassunta, detta Susy (la prima a sinistra nella foto di destra) Matrisciano sul plurinominale Senato Piemonte 2, origini campane ma di adozione alessandrina dal 2000. Parla tre lingue e si occupa di Risorse Umane per una azienda multinazionale del settore metalmeccanico. Era già candidata al Consiglio comunale di Alessandria durante le amministrative dello scorso maggio/giugno, attiva nella campagna elettorale per Michelangelo Serra, candidato sindaco. “Il primo obiettivo è quello di cancellare 400 leggi inutili che non mettono al centro dell'attenzione le persone. Bisogna sempre fare i conti con le 'interpretazioni' delle leggi: due esempi su tutti di “assurdità” che la Matrisciano porta all'attenzione sono quelli sulle cosiddette “ferie solidali” per un genitore che ha un figlio disabile, ma che vale solo per i minorenni....non più per i figli con disabilità che hanno raggiunto la maggiore età. “Oppure ancora i permessi per i malati oncologici”. Che si unisce al mondo del lavoro è quello della scuola: “una riforma degli istituti tecnici e commerciali che dovrebbero far uscire risorse già formate. Ma la la formazione scolastica e quella aziendale sono due abissi e la stessa alternanza scuola/lavoro non funziona come dovrebbe al 100%”. Infine non bisogna guardare solo “chi entra” nel mondo del lavoro, ma anche “chi esce”. “Serve un maggiore utilizzo della staffetta generazionale”.

Silvia Gambino, imprenditrice artigiana nel settore grafico e attivista nel gruppo di Ovada è la candidata M5S del collegio uninominale camera Alessandria. “Il benessere dei cittadini passa dall'ambiente e dalla salute, allo stile di vita”. Così a lei sono stati affidati i temi di “tutela ambientale” dai quali un sistema produttivo non può prescindere, quello degli “investimenti” sui quali le piccole e medie imprese vengono trascurate (“fiscalità sì, ma anche accenno al credito perché le piccole aziende devono avere condizioni vantaggiose per non essere escluse”) e infine sulle fasce più deboli con il “reddito di cittadinanza”.

Sul collegio uninominale Senato Asti- Alessandria un'altra “quota rosa” per i pentastellati: la tortonese Antonella Scagnetti, avvocato e consulente legale dei 5 Stelle di Tortona dal 2014. “Il Movimento è un gruppo portatore di valori ormai persi, come l'onestà e la trasparenza”. Se venisse elette si occuperebbe di giustizia: “tanti, troppi sono i mali della giustizia oggi”. Due le magro aree: quella legata ai problemi di tipo logistico, come “l'accorpamento dei tribunali, che andava fatto solo dopo aver chiaro dove mettere quelli che vengono soppressi”. E gli aspetti invece più legati alla parte penale e civile della giurisprudenza, come quindi “la lunghezza dei processi” per fare solo un esempio.

Cosa ci si aspetta da queste elezioni? Una percentuale di successo locale? “Ogni territorio ha la sua peculiarità storico-politica, ma speriamo che la nostra area rispecchi il risultato che ci aspettiamo dal nazionale, cioè sopra il 40%, considerando che questa legge elettorale firmata Pd non permette a nessuno di governare con la maggioranza del 51%”. L'obiettivo è quello di “fare cambiare idea per il futuro dell'Italia e anche di Alessandria, dimostrando che tutti i 'poli' che si sono sempre creati, le alleanze sono sempre state delle fregature e che anche questa nuova amministrazione locale di centrodestra in sei mesi dalle elezioni ha fatto davvero poco....”. Poi alla fine saranno gli elettori a decidere.

QUI LE SCHEDE DI TUTTI I CANDIDATI

QUI IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE DI LUNEDI' 29 GENNAIO 
30/01/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne