Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Dalla formazione al lavoro

Storie alessandrine di formazione di successo

Intervista ad Alessandro, giovane ingegnere delle Materie Plastiche che oggi dice: "Devi perdere per saper come vincere"
DALLA FORMAZIONE AL LAVORO - Siamo convinti che la cultura dell'eccellenza della formazione sia un collegamento diretto con il mondo del lavoro, per questo motivo iniziamo oggi, giovedì 27 marzo, un percorso fatto di interviste ed approfondimenti volti a raccontare storie di formazione di successo di Alessandria e della sua provincia, e realtà formative e prodotti che hanno risonanza su tutto il territorio nazionale e non solo. 
Iniziamo con Alessandro, 26enne valenzano, da pochi mesi tecnico manutentore del reparto stampaggio presso un’azienda multinazionale dell'imballaggio, con sede in provincia di Alessandria.

Quale percorso ti ha portato qui? Perché scegliere Alessandria per la tua formazione e perché il Master in Ingegneria delle Materie Plastiche?
Subito dopo aver acquisito la maturità scientifica, ho scelto la facoltà di Ingegneria delle Materie Plastiche, un ambito che non conoscevo e di cui ho scoperto l’esistenza durante una presentazione svoltasi presso il mio liceo e che avevo trovato molto interessante.
In seguito ho scelto il Master in Ingegneria delle Materie Plastiche presso il Politecnico di Torino – sede di Alessandria, per acquisire ulteriori competenze più specifiche, nonché per avere subito una porta di ingresso nel mondo del lavoro a partire dallo stage, che è garantito nel percorso del Master.

Come e dove si collocano i tuoi primi passi nel mondo del lavoro?
La mia prima esperienza aziendale è stata lo stage curriculare universitario in un’azienda leader nelle chiusure antisofisticazione. Dovevo seguire tutte le fasi della realizzazione di un prodotto, dalla trasformazione delle materie prime alle post lavorazioni. Da neolaureato ho poi svolto uno stage di quattro mesi presso un’importante realtà aziendale specializzata in ricerca, progettazione, sviluppo e produzione di componenti meccatronici, dove ricoprivo un ruolo più gestionale. Ciò ha coinciso anche con la prima esperienza di vita fuori casa.
Il mio stage del Master, organizzato da Plastics Academy (società di selezione e formazione di personale che è parte del Consorzio Proplast) si è svolto invece presso una multinazionale del packaging nel settore cosmetico, nell’area Continuous Improvement.
Le altre esperienze, stavolta con contratti di lavoro, le ho svolte come tecnologo nell’area stampaggio di uno dei maggiori produttori mondiali di filtri e componenti per applicazioni in diversi settori (medicale, automobilistico, sicurezza, elettrodomestici) e infine, da febbraio 2014, come tecnico manutentore in una multinazionale dell'imballaggio con sede in provincia di Alessandria.

Cosa ti piacerebbe fare 'da grande'?
Il mio sogno è dirigere un reparto di stampaggio.

Puoi raccontarci i momenti più difficili, durante gli studi e/o durante l'inserimento lavorativo? Come te la sei cavata?
Uno dei momenti più difficili è stato senz’altro il distacco dalla famiglia, vivere in modo indipendente e lontano da casa. Ma è stata senz’altro un’occasione di crescita personale.
Molto positiva, invece, è stata la disponibilità dei colleghi che ho incontrato nelle diverse aziende ad affiancare una figura “junior” come me, dandomi consigli e affidandomi progressivamente autonomia e responsabilità nella gestione del lavoro.

Hai dei consigli da dare a chi decide di intraprendere il tuo stesso percorso?
In azienda sicuramente consiglio di essere umili, disponibili a imparare e a “sporcarsi le mani” anche con compiti che non erano inizialmente previsti nella mansione.
Consiglio ai ragazzi di diventare delle “spugne” e cercare di carpire da tutti i colleghi, di qualsiasi esperienza o ruolo aziendale, le conoscenze e le esperienze necessarie a migliorare la propria professione.

Ci lasci una frase o un motto che ti piace citare o che è significativa del tuo percorso personale?
You got to lose to know how to win. Devi perdere per sapere come vincere. 
27/03/2014
Francesca Frassanito - redazione@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018