Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
UILinforma

Cassa integrazione, precariato e povertà: “un segnale della situazione economica?”

A fare il punto della situazione a metà anno è il segretario della Uil, Aldo Gregori. Sul tavolo della discussione c'è l'aumento della cassa integrazione straordinaria, l'aumento dei contratti precari e dei voucher, ma anche la questione “non autosufficienza” e pensioni. Ci si aspetta un “settembre caldo”?
 UIL INFORMA - Il segnale della situazione economica a livello nazionale, così come a livello provinciale è dato da alcuni valori, come quelli raccolti nell'ultima indagine di metà anno sulla cassa integrazione. “294 mila ore di cassa integrazione straordinaria nel maggio 2016 che si sono dilatate, arrivando a 860 mila nel mese di giugno” spiega Aldo Gregori, segretario generale Uil. E' il ramo che ha subito di più le conseguenze delle modifiche legislative e i numeri lo dimostrano.

Nessun miglioramento sul fronte lavorativo, specie del settore industriale. “Gli ultimi dati sull'osservatorio del precariato INPS – prosegue Gregori – non sono confortanti: in calo le assunzioni a tempo indeterminato e non solo con un confronto con il 2015, anno di picco degli incentivi statali, ma anche rispetto al 2014”. In aumento i contratti di precariato e “ a differenza di quanto sostenuto dal Governo, anche i voucher, con un +43% rispetto al 1° semestre 2015”.

Un mondo occupazionale in bilico, che si stringe la mano con l'aumento dei numeri, a livello nazionale, emanati dall'Istat sulla povertà: 4,6 milioni di persone in “povertà assoluta” per i quali è stato istituito un fondo a livello statale, “di 1 miliardo, davvero insufficiente secondo noi” commenta il segretario Uil della provincia di Alessandria.

Che mostra un quadro socio-economico quantomeno preoccupante, che sembra aver fatto fare marcia indietro anche al Governo centrale, aprendo tavoli di trattativa con le parti sindacali e datoriali. Tra le questioni aperte c'è sicuramente quella delle pensioni e della “bonifica della legge Fornero”. Altro filo scoperto è quello della “non autosufficienza” molto caro ai sindacati: “con la nuova riforma ISEE si rischia di lasciare più di 3 milioni di persone senza quei servizi che prima erano garantiti e gratuiti, come l'assistenza e le prestazioni sanitarie.

Va meglio invece ai lavoratori che percepiscono ancora il “premio aziendale”. Su questo si è raggiunto un accordo – come spiega Aldo Gregori – con una detassazione al 10% (e non più al 20%) “che se diventa welfare aziendale, quindi asili, libri per i figli, non viene nemmeno più tassato”. Un punto messo a segno, che rischia di dovere fare comunque i conti con un “settembre caldo”.

“Resta aperta la questione dei rinnovi contrattuali per diversi settori, come il metalmeccanico, il pubblico impiego, il commerciale e in parte anche il chimico- conclude Gregori – Se entro settembre non arriveranno le risposte dal Governo, allora non si esclude la mobilitazione a livello nazionale”. Sull'incognita del rinnovo del contratto, i lavoratori coinvolti e interessati in provincia sono circa 20 mila.
22/07/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film