Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Evasione fiscale: legittima se la Pubblica Amministrazione non paga?

Il tribunale di Milano ha emesso due sentenze di assoluzione per due casi di evasione fiscale, dando vita ad un dibattito e portando a chiedersi se sia possibile che questi esempi diventino dei precedenti per il futuro
ALESSANDRIA - Nell'ultima settimana si è parlato a lungo del caso della società Sintea Plustek, per il cui legale rappresentante, Paolo Guerra, la Procura aveva chiesto la condanna per il reato di evasione fiscale per il mancato versamento di 180mila euro di IVA.
La Sintea è una ditta produttrice di protesi che vede come principale controparte in affari l'ASL, che ha però accumulato nei confronti della società un debito di 1,7 milioni di euro rendendo materialmente impossibile il pagamento delle tasse: “Se la pubblica amministrazione non paga i propri debiti verso i fornitori, non può poi pretendere che questi, in crisi anche per la mancanza di quei soldi, vengano condannati perchè non hanno versato le tasse dovute” si legge in una dichiarazione del Tribunale di Milano.
Nella stessa situazione della Sintea Plustek si trovò l'associazione di volontariato per il recupero dei tossicodipendenti Saman. Fu il presidente e rappresentante legale Achille Salvetti ad essere denunciato per evasione fiscale, non avendo potuto versare il corrispettivo dovuto a causa degli ingenti crediti nei confronti dell'ASL che non venivano saldati da tempo. A parità di condizione anche la sentenza è stata uguale: assolti.
Sentenze di questo tipo sembrerebbero rivoluzionare la disciplina giuridica in materia fiscale com'è stata intesa fino ad oggi: nonostante in Italia la legge sia quella dei codici e non si crei giurisprudenza dai casi precedenti come nei Paesi anglofoni, questo tipo di decisioni sembrano creare precedenti potenzialmente impugnabili da chiunque non fosse intenzionato a pagare le tasse.

“In entrambi i casi l'imputato è stato assolto, in quanto si è ritenuto che difettasse il dolo necessario a configurare il reato. Gli imputati non hanno versato le imposte, in quanto impossibilitati a farlo a causa delle loro gravi difficoltà finanziarie: difficoltà dovute anche all'inadempimento della pubblica amministrazione stessa. È lo stesso principio che trova applicazione anche in materia di omesso versamento degli assegni di mantenimento alla moglie o ai figli in caso di separazione/divorzio: l'imputato non può essere condannato penalmente se prova che si è trovato nell'impossibilità di pagare e che tale impossibilità non sia dipesa da sua responsabilità.” Questa l'opinione dell'avv. Siess, interpellato in proposito sull'argomento, che aggiunge: “non può passare l'idea che queste sentenze abbiano sancito il principio per cui chi "evade" le tasse non è punibile penalmente (per altro il reato è configurabile sopra i 50mila euro), ma l'imputato deve dimostrare l'impossibilità ad adempiere e il fatto che tale impossibilità non sia dipesa da sua responsabilità”.
Alla luce di queste dichiarazioni risulta evidente come il principio che regola le due fattispecie sia tutt'altro che straordinario e di fatto si limiti unicamente ad assolvere dall'accusa penale coloro che dichiarano correttamente il proprio reddito ma non versano le imposte poiché impossibilitati a farlo, escludendo quindi categoricamente l'annullamento dei debiti fiscali che vanno in ogni caso versati, in virtù del fatto che nel nostro Paese non è previsto un sistema di compensazione tra crediti di natura diversa.
19/01/2013
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018