Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Gavi

Il forte di Gavi si apre al teatro e all'arte

Narrare la storia del forte di Gavi anche grazie a coinvolgenti visite guidate teatrali. E' il progetto "Gavi: Forte di cultura, arte e storia". L'idea è venuta alla direttrice della struttura Annamaria Aimone e alla compagnia "Teatro e società", che hanno ottenuto il sostegno della Compagnia di San Paolo
GAVI – Narrare la storia del forte di Gavi anche grazie a coinvolgenti visite guidate teatrali. È il progetto “Gavi: Forte di cultura, arte e storia”. L’idea è venuta alla direttrice della struttura Annamaria Aimone e alla compagnia “Teatro e società” di Torino, che hanno ottenuto il sostegno della Compagnia di San Paolo: la fondazione bancaria ha finanziato il progetto con 50 mila euro nell’ambito del bando “Luoghi della cultura”.

Anche se le visite guidate teatrali rappresentano il clou del progetto, le iniziative comprenderanno anche un corso di aggiornamento per insegnanti, attività di animazione teatrale nelle scuole e un laboratorio di narrazione dei beni culturali per operatori del turismo. «Una visita teatrale è in grado di trasmettere concetti e informazioni in maniera estremamente efficace – ha spiegato Francesco Carapelle di “Teatro e società” – Lo stesso vale per la scuola, dove i docenti che riescono a coinvolgere gli alunni con questo metodo di insegnamento innovativo ottengono risultati importanti».

Le attività prenderanno il via a gennaio a Novi Ligure, per le scuole, e a Gavi. A queste il progetto affiancherà, in prossimità dell’estate, il programma di visite e spettacoli. «Le visite teatrali al Forte saranno quattro, cui si aggiungeranno cinque spettacoli itineranti a Novi, Arquata, Serravalle, Carrosio e Mornese – ha detto Elisabetta Baro della compagnia teatrale torinese – Non potrà mancare, inoltre, la componente enogastronomica che fa del Forte un luogo unico al mondo».

Con 9.177 visite nel 2016, quasi il doppio dell’anno precedente, il Forte di Gavi si attesta ai primi posti tra i beni museali più visitati dell’alessandrino, come indica il report annuale dell’Osservatorio culturale del Piemonte. «Una crescita – spiega con soddisfazione Annamaria Aimone – che vogliamo consolidare aprendoci a un nuovo pubblico. Penso in particolare a chi, già attratto dal gaviese per turismo enogastronomico, naturalistico o per shopping, potrebbe cogliere con interesse la proposta culturale».
29/11/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film