Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cassine

Res Gestae sempre presente alla Festa Medioevale di Cassine

Sabato 9 settembre sarà una giornata importante per Arca Grup che festeggerà i 25 anni della manifestazione, ma anche per i componenti della Res Gestae, che con la partecipazione alla Festa Medioevale di Cassine suggelleranno i loro primi dieci anni di attività
CASSINE - Non ci può essere Festa Medioevale di Cassine senza la presenza dell’Associazione Cultura Res Gestae. Sabato 9 settembre sarà una giornata importante per Arca Grup che festeggerà i 25 anni della manifestazione, ma anche per i componenti della Res Gestae, che con la partecipazione alla Festa Medioevale di Cassine suggelleranno i loro primi dieci anni di attività.

L’associazione alessandrina presieduta da Lorenzo Fusaro conta quindici associati che rievocano e ricostruiscono un periodo storico ben preciso, quello di fine 1300. La loro attività di ricerca ruota attorno alla Battaglia di Alessandria (25 giugno 1391) e al personaggio di Gian Galeazzo Visconti la cui visita a Cassine del 1380 è il punto di partenza della stessa Festa Medioevale. 

Il percorso dell’associazione si è evoluto nel tempo: nelle passate edizioni, con i suoi specialisti di scherma storica e di attendamenti, Res Gestae montava un campo, attivando anche una cucina e allestiva scene di battaglia. Per questa edizione incentrata sul living history la proposta è diversa, tutta incentrata sui mestieri e l’artigianato del tempo. Armigeri, balestrieri e combattimenti saranno a cura di altre associazioni come More Ianuensis di Genova, Compagnia della Spada e della Croce di Bolzano Novarese, Compagnia d’la Crus di Mortara. 

Il Mercato era il fulcro della vita nel villaggio in epoca medioevale. Sabato 9 settembre dalle 15 nella piazza antistante il Municipio di Cassine, su cui si affaccia il monumento storico più importante, la chiesa di San Francesco, sarà allestito il mercato con i banchi degli antichi mestieri e ogni protagonista sarà a disposizione dei partecipanti per presentare come la sua attività veniva esercitata in quel periodo: ci sarà il fabbro con forgia e mantice che illustrerà le basi della forgiatura del metallo, ma anche il falegname incisore che svelerà i segreti dell’arte dell’intaglio e della decorazione dei manufatti creati, e poi ci sarà l’angolo del cucito e della tessitura ma anche il banco del candelaio: la produzione di candele nel Medioevo era particolarmente necessaria. 

“Durante i nostri incontri perfezioniamo anche le nostre abilità nella scherma storica. In molti ci chiedono di poter partecipare ad un corso, ma si tratta di un’attività interna riservata ai soci. Il nostro gruppo ha per scopo la valorizzazione del patrimonio culturale locale con attività di studio della cultura materiale del periodo di interesse e la conseguente ricostruzione fattiva di costumi, utensili, accessori avvalendosi di processi, materiali e strumenti il più possibile vicini a quelli utilizzati originariamente. Con analoga metodologia vengono anche studiate e ricostruite tecniche schermistiche tratte da manuali di epoca medievale e rinascimentale. Le ricerche svolte vengono formalizzate in documenti sintetici restano a disposizione di tutti gli Associati per ulteriori sviluppi unitamente ai volumi disponibili nella piccola biblioteca del gruppo. Chi condivide i nostri obiettivi può contattarci via mail all’indirizzo resgestae1391@gmail.com per far crescere ulteriormente il nostro gruppo” evidenzia il presidente Fusaro.

Oltre all’attività di documentazione e ricostruzione, Res Gestae partecipa ad eventi specifici del settore (fiere, rievocazioni, eventi a porte chiuse, workshop, conferenze ecc.) sia in ambito nazionale che internazionale con lo scopo di condividere i propri progressi sia con il pubblico che con altre realtà di analoga natura e finalità. Tra le molte partecipazioni, di sicura memoria è la presenza alla rievocazione dei 600 anni della Battaglia di Agincourt (Guerra dei Cent’anni) in Francia nel 2015. 

Per una associazione la cui presenza si può in tutti i sensi definire “storica”, così come per la rinnovata collaborazione con il Circolo I Marchesi del Monferrato che renderà ancora una volta interessante e a portata di tutti la “Verbal Tenzone”, per la XXV edizione della Festa Medioevale di Cassine, Arca Grup ha avviato nuove collaborazioni. Compagnie di living history mai venute a Cassine si affiancheranno ad artisti di strada per l’intrattenimento. Ma anche l’aspetto ristorativo porta con se una novità: la cucina per la prima volta è affidata agli Amici del Capanno di Frugarolo. Per i molti visitatori che arriveranno da fuori provincia la garanzia di trovare piatti tipici della tradizione alessandrina come i rabaton. La XXV edizione della Festa Medioevale di Cassine è tutta da scoprire.
25/08/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
Sabato 03 Novembre 2018 Taryn Donath Quartet in concerto al Macallé
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi