Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Rocca Grimalda

''I belli e i brutti'' e la Lachera al Carnevale di Rocca

Per questa edizione, gli organizzatori rocchesi hanno puntato sul gruppo folkloristico ligure, che sfila al richiamo di grosse conchiglie suonate da alcune maschere, i brutti e i belli sfilano casa per casa ricevendo vino e doni al suono delle tradizionali musiche
ROCCA GRIMALDA - Arrivano da Suviero, piccolo borgo inerpicato nella provincia di La Spezia, gli ospiti del Carnevale di Rocca Grimalda, in programma nel fine settimana. "I belli e i brutti” saranno protagonisti, insieme alla Lachera, della lunga festa che intratterrà tutto il paese da sabato sera fino alla sfilata di domenica pomeriggio. I primi indossano pelli di animale, hanno grosse corna sul capo e il volto scuro;vestono costumi luccicanti, abiti floreali dai colori sgargianti e un cappello a larghe tese. I brutti sono dispettosi e bestiali, i belli sono gentili e cortesi. Da sempre la Lachera rappresenta, oltreché un appuntamento di divertimento e socializzazione, anche un ponte tra le diverse culture popolari.

Talvolta anche provenienti dall'estero. Ma, per questa edizione, gli organizzatori rocchesi hanno puntato sul gruppo folkloristico ligure, che sfila al richiamo di grosse conchiglie suonate da alcune maschere, i brutti e i belli sfilano casa per casa ricevendo vino e doni al suono delle tradizionali musiche. Il suono dei campanacci, la mostruosità delle maschere, i nastri colorati e l’allegria manifestano il contrasto ancestrale tra le tenebre e la luce, tra gli spiriti maligni e a spinta al risveglio primaverile e ci fanno assaporare il fascino ed il mistero di questo antico rito calendariale. La festa prenderà il via sabato alle 16.00 con la questua tra le cascine, alla ricerca di prodotti da issare sulla carassa propiziatoria, tra danze e balli, che si concluderà nelle cantine del castello, mentre in paese, alle 18.00, i bambini organizzeranno una questua parallela porta a porta, a base di leccornie. Alle 20.00 si brucerà sul belvedere Marconi il fantoccio del Carnevale, per allontanare l’inverno, con balli intorno al falò e festa fino a tardi, con danze anche davanti alla chiesetta di Santa Limbania. Domenica, alle 15.00, sarà invece il momento della grande sfilata nel centro storico, con gli ospiti liguri in testa e a seguire i padroni di casa della Lachera. Nel paese, col contributo della associazioni, ci saranno musica, golosità e animazione per i bambini sul belvedere dalle 15.00. “Come ogni anno – dicono Giorgio Prato e Giorgio Perfumo, rispettivamente presidente e segretario della Lachera – il Carnevale sarà un’occasione di visibilità per l’intero paese. Non solo gli ospiti spezzini saranno con noi per tre giorni ma sono molti i turisti che con anticipo hanno prenotato un posto nelle strutture del territorio per non perdersi questo rito antico, che non manca di stupire”.
2/02/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Intervista a Marco Lodola e Giovanna Fra all'inaugurazione della loro mostra "Se Stasera Siamo Qui"
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Red Ronnie alla presentazione della mostra di Marco Lodola e Giovanna Fra
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Maestre senza laurea in presidio sotto la Prefettura
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè  "Movie Blues"
Tony Coleman & Henry Carpaneto 5tet al Cinema Teatro Macallè "Movie Blues"
Incendio a Mandrogne
Incendio a Mandrogne