Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

San Rocco: tradizione e novità per lo storico presepe

In origine il presepe aveva una superficie di circa 27 metri quadrati; con il trascorrere degli anni si arricchì di personaggi e di particolari, fino a raggiungere i 45 metri quadrati. Il presepe è ricco di oltre cento statue, per la maggior parte eseguite tra il 1898 e il 1905 da don Vincenzo Grillo e GB Barisione.

OVADA - Il Presepe di San Rocco rappresenta la tradizione che continua con qualche novità. Apertura al pubblico da Natale fino alla seconda domenica di gennaio dalle ore 14,30 alle ore 18 e nei giorni festivi e prefestivi. La tradizione colloca storicamente il presepe nel lontano1898. I primi ideatori si affidarono alla famiglia Brilla di Savona, ricevendo i consigli e la collaborazione di un figlio del famoso scultore Antonio Brilla (1813-1890). Il Corriere delle Valli Stura e Orba ne parlava l’8 Gennaio 1899: «Un bel presepe che merita proprio di essere visto, allestito per lodevole iniziativa del simpatico Don Grillo Vincenzo e del nipote Gio Batta [Barisione]”

In origine il presepe aveva una superficie di circa 27 metri quadrati; con il trascorrere degli anni si arricchì di personaggi e di particolari, fino a raggiungere i 45 metri quadrati. Il presepe è ricco di oltre cento statue, per la maggior parte eseguite tra il 1898 e il 1905 da don Vincenzo Grillo e GB Barisione, i quali le modellarono utilizzando terra cruda proveniente dalla zona montuosa della Caiella. Le rimanenti statue, ad eccezione dei falegnami in legno, sono di terracotta. Don Grillo e il nipote Barisione hanno costruito anche la maggior parte delle case. La capanna di Gesù Bambino è la medesima che venne utilizzata nel 1898, la capanna dei ciabattini risale all’anno successivo ed entrambe hanno mantenuto la loro forma originaria, il laboratorio dei falegnami è del 1903. Il movimento della falegnameria è stato realizzato nel 1935 da Vincenzo Fortunato e Giuseppe Barisione e tutt'oggi è ancora dotato dei meccanismi originari; solo la forza motrice, che originariamente consisteva in una carica a molla, si basa ora su motore elettrico. Il fondale del 1960 (cm 200x500) è opera del pittore ovadese Franco Resecco. L’impianto luci è stato totalmente rifatto con l’aggiunta di effetti luminosi riproducenti il giorno e la notte.

Il presepe dalle origini è stato quindi allestito dalla famiglia Barisione fino al 2008, quando è stato smontato per consentire i lavori di ripristino della chiesetta danneggiata dal sisma del 2003. Dal Natale 2015 alcuni volontari si sono impegnati a far rivivere l’antica emozione che aveva allietato i loro Natali da bambini. Da pochi metri, il presepe è tornato a fare bella mostra di sé nell’ampiezza originale di 45 metri quadri, quasi tutta l’unica navata della Chiesa.

 

24/12/2017
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile