Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Pubblica sicurezza: chiuso il Circolo ricreativo ovadese

Provvedimento notificato questa mattina nel corso di un controllo congiunto di Polizia e Carabinieri. Validità 15 giorni. La titolare del bar: "Faremo ricorso contro il provvedimento che non fa riferimento a responsabilità mie o di chi lavora con me"
OVADA -  Nel corso della mattina odierna, il personale della Squadra Amministrativa della divisione P.A.S.I. di questa Questura assieme a  personale della Compagnia Carabinieri di Acqui Terme, ha notificato al titolare dell’esercizio commerciale “Circolo ricreativo Ovadese”, con sede in Ovada, Corso Martiri della Libertà n. 14, il decreto del Questore che dispone la chiusura del locale per 15 giorni, ai sensi dell’art. 100 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza. Tale provvedimento è stato adottato a seguito di numerosi interventi effettuati dalle Forze di Polizia in cui è stata accertata la costante presenza, di numerosi pregiudicati per diverse tipologie di reati sia contro la persona e il patrimonio che inerenti alla normativa sugli stupefacenti.

Pertanto si ritiene che lo stesso, costituendo un luogo di abituale ritrovo ed un punto di riferimento per soggetti pluripregiudicati la cui aggregazione rappresenta fonte di allarme sociale,  determini uno stato di profondo disagio per i residenti della zona. In considerazione della diminuita percezione di sicurezza registratasi nella cittadinanza, in particolare in coloro che risiedono nella zona ove ha sede il suddetto esercizio commerciale, e al fine di impedire il reiterarsi di simili episodi,  si è ritenuto necessario sospendere temporaneamente il prosieguo dell’attività dell’esercizio, a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

"Il Direttivo del Circolo Ricreativo Ovadese, rammaricato per quanto successo in data odierna, - si legge nella nota ufficiale inviata nel pomeriggio di oggi - ci tiene a specificare la distinzione tra il Circolo e il bar. Il verbale è a carico  del gestore del bar e non è previsto nessun tipo di provvedimento nei confronti del Circolo".

“La sospensione riguarda solo il bar da me gestito – chiarisce Annalisa Gori, titolare della ditta individuale che gestisce l’attività - con tanto di partita IVA e senza alcuna agevolazione fiscale. La direzione del circolo non è assolutamente coinvolta in questo provvedimento. La convenzione stipulata tra la sottoscritta e il circolo prevede espressamente che non sia necessaria la tessera per accedere al bar ove è possibile acquistare e consumare cibi e bevande. Tale circostanza ci esime, così come per ogni altro esercizio commerciale, da richiedere ai nostri clienti qualsiasi tipo di documento Ivi compresi quelli di identità e il certificato penale. Mi difenderò come è nel mio diritto proponendo ricorso contro il provvedimento nei termini di legge e presso le competenti sedi. Per quanto il provvedimento non faccia alcun riferimento alla benché minima colpa o responsabilità mia e di chi lavora con me ci tengo a sottolineare la nostra onesta e la serietà con cui svolgiamo il nostro lavoro. Quanto alle frequentazioni del locale ci rimane il dubbio che se un pregiudicato è a piede libero è perché ha già pagato il suo debito con la giustizia.  Ma in ogni caso per chi non lo sapesse i pregiudicati non hanno un bollino che, differenziandoli dagli incensurati, ne permette la sollecita individuazione. Fermo restando che anche se i pregiudicati fossero facilmente riconoscibili non potremmo non farli accedere al bar non chiedeteci quindi di sostituirci alle Forze dell'ordine, con le quali abbiamo un noto rapporto di collaborazione, alle quali tocca l'onore e l'onere di difendere la pubblica sicurezza”.

14/09/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Taryn Donath Quartet apre la stagione del Macall? di Castelceriolo
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film