Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Controlli a tappeto ai giardini e sulla strada

Controlli dei carabinieri ai giardini della stazione e lungo le strade: arresti e denunce a raffica nel fine settimana
PROVINCIA -  Sei arresti e 18 denunce a piede libero è il bilancio del fine settimana per i carabinieri della compagnia di Alessandria impegnati nel controllo del territorio e prevenzione dei reati.
In particolare, sono stati oggetto di controllo, e lo saranno anche successivamente, i giardini antistanti la stazione ferroviaria. Giovedì scorso per l’intero pomeriggio, 5 pattuglie in uniforme e 4 uomini del Nucleo Operativo della Compagnia di Alessandria, insieme a 5 appartenenti alla Polizia Locale hanno infatti proceduto ad un controllo dei giardini pubblici antistanti la Stazione Ferroviaria e i giardini Pittaluga; il controllo, finalizzato al contrasto della criminalità predatoria e allo spaccio di sostanze stupefacenti, permetteva di bloccare rapidamente tutti coloro che potevano sembrare sospetti per la loro presenza sul posto; al termine dell’attività, venivano denunciate in stato di libertà 5 persone, 4 delle quali cittadini marocchini e un senegalese, perché risultavano avere fatto ingresso ed essersi trattenute illegalmente sul territorio nazionale; per tutti sono state avviate le pratiche per l’espulsione dal territorio nazionale.
Tra gli arresti, quello di una giovane rumena per tentato furto aggravato; la donna superava le casse di un esercizio commerciale di via Galimberti, dopo avere nascosto vestiti e prodotti di bellezza per un valore di oltre 100 euro dai quali aveva rimosso i sistemi antitaccheggio; il pronto intervento della pattuglia ha permesso di fermare e arrestare la donna che è stata successivamente posta agli arresti domiciliari in attesa della convalida e del rito direttissimo. La mattina di domenica 16 marzo, una pattuglia sempre dell’Aliquota Radiomobile controllava che la donna rispettasse l’obbligo di rimanere in casa, senza trovarla in abitazione; la donna, vistasi scoperta, dopo un po’ si presentava al pronto soccorso lamentando dei dolori addominali risultati pretestuosi perché è stato accertato che si era allontanata di casa già dalla sera prima senza alcuna autorizzazione; si procedeva ad un nuovo arresto per evasione e la donna veniva stavolta trattenuta nelle camere di sicurezza della caserma in attesa delle convalide e del rito direttissimo.
I carabinieri di Solero hanno invece inseguito e fermato un’auto con targa francese con 3 persone sospette a bordo; da un controllo risultavano essere 3 giovani rumeni pluripregiudicati provenienti da un noto campo nomadi di Torino; nel corso delle perquisizioni personali e dell’auto venivano rinvenuti taglierini, cacciaviti, tenaglie, pinze, guanti in neoprene e 3 radio walkie talkie perfettamente funzionanti; i 3 sono stati denunciati per possesso ingiustificati di oggetti atti ad offendere e possesso di arnesi da scasso, ma probabilmente la pattuglia è riuscita a evitare che venisse compiuto un furto a uno dei tanti capannoni industriali presenti in zona.
Tre cittadini italiani sono stati denunciati dai militari dell’Aliquota Radiomobile perché sorpresi nel quartiere Cristo quasi nell’atto di imbrattare il muro di cinta del deposito delle Ferrovie dello Stato, desistendo dall’intento solo alla vista della pattuglia; venivano sequestrate una ventina di bombolette spray, guanti in lattice e lo zainetto utilizzato per trasportare tutto il materiale.
Sempre i carabinieri di Solero hanno poi fermato e denunciato una vera e propria “bomba stradale”; un cittadino rumeno, proveniente da un campo nomadi del torinese, è risultato sprovvisto di assicurazione e usare un tagliando assicurativo falso; l’uomo era anche sprovvisto di patente perché mai conseguita, non poteva tornare nel Comune di Solero per un periodo di 3 anni come disposto dal Questore, si rifiutava di effettuare il test alcoolimetrico; per lui la denuncia per falsità in scrittura privata, uso di atto falso, rifiuto dell’alcooltest, inosservanza del divieto di ritorno nel comune di Solero e guida senza patente; ovviamente l’auto è stata sequestrata e il rumeno ha fatto rientro nel torinese con mezzi alternativi; l’attenta sorveglianza del territorio da parte della pattuglia ha permesso di prevenire ed evitare incidenti stradali anche gravi, causati da persone che non rispettano le norme minime relative alla circolazione stradale.
18/03/2014
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
La Barbera Incontra 2018 - Tre giorni di Musica, spettacolo, dibattiti e divertimento
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
La Barbera Incontra 15-16-17 giugno 2018 San Damiano d'Asti
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Carrà, Carrà, ancora Carrà...
Inaugurazione Ds Store di Alessandria
Inaugurazione Ds Store di Alessandria