Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Società

Sostenibilità a basso costo, con le case di terra si può

Si usa la terra cruda, la tecnica si chiama "superadobe" e la insegna Davide Frasca, 34enne di Quattordio. “Credo che la sostenibilità debba andare di pari passo con il basso costo, altrimenti non si potranno mai raggiungere le grandi masse, soprattutto quelle più bisognose"
SOCIETA' - “Fabbricando case, ospedali, casermoni e monasteri...” recitava la prima strofa di una delle canzoni più note di Rino Gaetano, in cui veniva dissacrata la sfrenata corsa al mattone esplosa negli anni '70. Ospedali, casermoni e monasteri non li può (ancora) costruire, ma Davide Frasca, 34enne di Quattordio, possiede le qualifiche e le conoscenze necessarie a realizzare vere e proprie unità abitative, che però hanno una particolarità: sono fatte interamente di terra. Qualifiche e conoscenze che trasmette ad altri nei corsi che organizza in giro per l'Italia e che in qualche modo lo rendono unico nel suo genere. Sì, perché in tutto il Paese è tra i pochissimi (possono davvero contarsi sulle dita di una mano..) ad utilizzare e insegnare il 'superadobe', il metodo con cui costruisce le sue cupole in terra cruda. “E' un metodo che ho imparato frequentando l'Istituto Cal-Earth in California, fondato dall'architetto Nader Khalili. Oltre a me, solo altri due italiani hanno frequentato questo istituto: un ragazzo che vive in Spagna e un altro, Donato Mancini, che invece vive in Francia da diverso tempo. Con lui ho realizzato un arredo urbano per il Comune di Quattordio”.

Una laurea in ingegneria elettrica e una grande passione per la natura, l'ecosostenibilità e le energie rinnovabili. “Ad un certo punto ho capito che era possibile andare oltre la classica concezione di abitazione convenzionale. Mentre frequentavo un master di Architettura Sostenibile alla London Metropolitan University – spiega Davide Frasca - ho letto un libro dell'architetto Christopher Day sui possibili impieghi della terra cruda in edilizia. Mi si è aperto un mondo, ho iniziato a documentarmi in maniera approfondita, dopodiché ho sentito il bisogno di apprendere le varie tecniche di lavorazione della terra cruda. Per questo motivo ho trascorso diverse settimane, mesi in alcuni casi, in Spagna, Portogallo, Inghilterra, Tunisia, India e California”.

I costi di realizzazione di un'abitazione in terra sono ovviamente molto più contenuti rispetto ad una casa sostenibile convenzionale “che necessita di tecnologie già di per sé costose: il pannello fotovoltaico, lo scambiatore di calore, l'isolante, il triplovetro, interventi che fanno lievitare i costi enormemente”. Basso costo e sostenibilità praticamente totale, perché in caso di abbattimento il materiale impiegato può essere riutilizzato. La terra, infatti, “può essere sciolta e ricompattata senza che se ne alteri la sua qualità”.
Una tecnica che ai nostri nonni potrebbe sembrare tutto fuorché innovativa, considerato che un tempo costruire case in terra era più che consueto. “Nella nostra provincia, in particolare nella zona delle Fraschetta, esistono moltissime cascine costruite con la terra, le cosiddette 'trunere'. Si va da piccoli cascinotti a due piani a cascine molto più grosse. L'importante è progettare conoscendo i limiti del materiale e le sue possibilità. I contadini conoscevano molto bene i materiali e le tecniche di realizzazione. Purtroppo ora le maestranze di un tempo sono andate perse. Il mio intento è anche quello di recuperare una conoscenza in via di estinzione”.

Quali limiti e dimensioni può raggiungere un edificio in terra cruda? “Beh, la città di Shibam, nello Yemen, è stata eretta utilizzando esclusivamente la terra. La chiamano 'la Manhattan del deserto' perché esistono edifici a otto-nove piani, veri e propri grattacieli in terra”. Con la tecnica 'superadobe', però, si creano unità abitative a cupola (antisismiche ed ignifughe) dalle dimensioni ridotte. “Se, ad esempio, si desidera una metratura totale di 100 mq è consigliabile costruire 5 cupole da 20 mq, ovviamente comunicanti”. Certo è che almeno per il momento, in base alle normative, in Italia risulta assai arduo costruire vere e proprie alloggi abitabili. “Per me è molto più facile andare a tenere corsi all'estero dove non ci sono grosse restrizioni, soprattutto per piccole costruzioni, mentre in Italia la burocrazia è molto più rigida. Anche perché la terra non è considerata materiale da costruzione, esiste un vero e proprio vuoto normativo. Finora, infatti, ho potuto realizzare una sola cupola di 2 metri di diametro in Abruzzo. Occorre creare un precedente che possa in qualche modo alimentare futuri cambiamenti nel sistema di regolamentazione”.

Per ciò che riguarda le costruzioni in terra cruda, la nostra provincia possiede un'eredità come poche altre zone in Italia, “e per quanto riguarda la terra battuta oserei dire in Europa”. Collaborazioni o progetti proposti agli enti locali? “Grazie ad una concessione del Comune di Quattordio ho realizzato un arredo urbano, una spirale attorno ad un albero che funge da tavolo e da seduta (foto a lato). Da un po' sto invece collaborando con un comune del Monferrato per realizzare un prototipo di abitazione con la tecnica “superadobe”. Come dicevo, l'importante è riuscire a creare un precedente che possa in qualche modo aprire la strada a nuovi progetti”.

Diffondere la cultura della sostenibilità a basso costo, questo è uno degli obiettivi che si pone Davide Frasca. “Credo che la sostenibilità debba andare di pari passo con il basso costo, altrimenti non si potranno mai raggiungere le grandi masse, soprattutto quelle più bisognose. Una sostenibilità fatta di costi esorbitanti rimarrà sempre prerogativa delle élite e a livello globale cambierà ben poco”.

Per sapere qualcosa in più su Davide Frasca e per conoscere la tecnica del superadobe consultare il sito www.videterra.org
14/08/2016
Alessandro Francini - redazione@alessandrianews.it
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli in concerto al Festival Contro 2018
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Cristiano De Andr? apre il Festival contro 2018 a Castagnole Lanze
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Inaugurazione nuovo show-room Citro?n Grandi Auto
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Biodigestore Carentino: il presidio contro il progetto durante la Conferenza dei Servizi
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Maurizio Vandelli a Castagnole Lanze per Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018
Cristiano De André canta De André al Festival Contro 2018