Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

"Riapre uno spazio della cultura": nuovo allestimento della Sala Ferrero

"Si torna, Si parte, Sipario" è lo slogan di un'altra tappa del percorso di rinascita del Teatro Comunale che arriva alla meta. Il 16 aprile infatti si riapre uno spazio della cultura alessandrina: la sala Ferrero. A partire è una vera rassegna di spettacoli, fino a giugno. "Avevamo ben chiara la rotta. Non si è mai navigato a vista. E questa sappiamo essere una tappa...l'obiettivo è la riconsegna di un teatro del nuovo millennio"
 ALESSANDRIA - “Il 16 aprile sarà una data da ricordare: si riapre uno spazio della cultura alessandrina. La Sala Ferrero del Teatro Comunale torna a vivere con una rassegna di 20 spettacoli da aprile fino a giugno”. Con queste parole l'assessore alla Cultura Vittoria Oneto - insieme al sindaco Rita Rossa e al presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Pier Angelo Taverna – ha presentato un'ulteriore tappa del percorso che vede protagonista il Teatro Comunale, chiuso dal 2010 e da tre anni bonificato. Lo slogan “Si torna, Si parte, Sipario” sintetizza l'iter vissuto in questi anni: il 16 aprile le porte della Sala Ferrero si riapriranno al pubblico con un allestimento tutto nuovo. “Poltrone, pareti, ma – spiega l'assessore Oneto – i lavori fatti in due mesi hanno visto anche il ripristino del palcoscenico, dei bagni (con lavori idraulici importanti), dell'impianto di riscaldamento e areazione, oltre che dei lampadari di Murano”. Un ottimo risultato se si considera che il 30 gennaio quando il teatro Comunale ha aperto per la prima volta le sue porte alla città, “nella sala Ferrero non c'era nulla”.

“Una consegna parziale di quello che è lo spazio per eccellenza della cultura alessandrina è stata fatta, nonostante le difficoltà di questi ultimi anni” è intervenuto il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria. “Sembrava un orizzonte ancora molto lontano e invece oggi riusciamo a toccare con mano qualche risultato. E il merito sta quindi nell'aver condotto in porto questa prima riapertura”.

A ricorrere è la metafora della nave: “avevamo ben chiara fin dall'inizio la rotta – ha spiegato il sindaco Rossa – Questi non sono risultati che si ottengono navigando a vista, ma sono lavori che si programmano e non si improvvisano”. Il primo cittadino non vuole “eccessivi trionfalismi”, consapevole “che si tratta di una tappa e non del raggiungimento della meta finale, che è la restituzione completa del Teatro alla città”. Ma c'è già una visione completa di quello che sarà il nuovo Comunale? Quello definito il “teatro del nuovo millennio”? Non si svela molto, ma il progetto l'amministrazione sembra averlo già (leggi qui incontro con uno studio di architetti di Milano che sta studiando proprio il nuovo Teatro): “per riallestire tutto servono circa 6 milioni. Il che significa avere il coinvolgimento della Regione, di un partenariato pubblico-privato, di fondazioni. Ma anche vedere la partecipazione della città stessa in quello che dovrà contenere il nuovo Comunale”. Così da fine mese partiranno degli incontri con i cittadini, con le scuole per confrontare le proposte: “la sala grande sarà ridimensionata, la prima e la seconda galleria diventeranno spazi con una propria sostenibilità economica – ha aggiunto l'assessore Oneto – Magari si penserà alla digitalizzazione della sala Ferrero (più grande della Zandrino) per dare uno spazio anche cinematografico...”.

Tanto ancora c'è da studiare e da fare. Ma nel frattempo una ventina di appuntamenti sono programmati: 3 spettacoli di punta, che sono gestiti da Piemonte dal Vivo e dalla Compagnia teatrale degli Stregatti. Così il 16 aprile, l'inaugurazione (ore 21) avrà come protagonista il Teatro Regio di Torino con un quintetto pianoforte e archi (musiche di Hummel e Schubert). Seguiranno poi due spettacoli le sere del 5 e del 12 maggio: “Gl'innamorati Underground”, rilettura di un classico di Goldoni, in chiave moderna, con musiche dei Marlene Kuntz e un monologo tratto dalla Divina Commedia “Vergine Madre” narrato da Lucilla Giagnoni. Per tutti gli spettacoli il costo del biglietto è di 10 euro con vendita diretta il venerdì (dalle 17 alle 19) al Teatro S. Francesco e il sabato (dalle 10 alle 12). Oppure a partire dalle ore 18 del giorno stesso dello spettacolo direttamente alla biglietteria del Teatro Comunale [Per maggiori informazioni: 331.4019616 oppure contatti@teatrostregatti.it]. Un mix tra artisti della scena locale e non. Con un grande ritorno, sotto l'aspetto professionale e tecnico di Roberto Scarpa, ex lavoratore del Tra, “che abbiamo ripreso nella squadra e che ci ha aiutato a sistemare tutti gli aspetti tecnici del palco e della sala”.

Tra la nuova sala Ferrero, la Zandrino e il foyer gli eventi non si arrestano: domenica 17 rinnovato appuntamento (con un fitto calendario anche per il mese di maggio, luglio, settembre) con il Vinile- Mostra del disco dell'usato e da collezione (info Salvatore Coluccio 389 422 61 72). Poi il 23 aprile in occasione della “Giornata Mondiale del libro e del diritto d’autore” sarà presentato in sala Zandrino l'ultimo libro di Umberto Eco, ““Pape Satàn Aleppe” (al mattino). Nel pomeriggio sempre di sabato si fa un salto tra le sonorità del jazz a partire dagli standard di inizio '900, fino ad arrivare alle sonorità del jazz più moderno con “DROP 4et feat. Gresino, Barbierato, Zampolini, Piacenza”.

Il coinvolgimento di scuole e più piccoli non è stato certo tralasciato: il 28 aprile, in occasione della ricorrenza della giornata della Liberazione della città di Alessandria, spettacolo “Luigi è stanco” dedicato alle scuole secondarie di primo e di secondo grado. Mentre nel pomeriggio di venerdì 29, “L'armandone della Pimpa” del Teatro dell'Archivolto aprirà le porte ai bimbi tra i 3 e gli 8 anni. In sala Zandrino appuntamento poi con il seminario di aggiornamento di una delle più importanti rassegne alessandrine, “Nati per leggere” (la mattina del 29 aprile).

Si prosegue a maggio: il 10, “Il melo gentile” Il Dottor Bostik/ Unoteatro. In scena un albero e un bambino, due oggetti e una marionetta; il 14 maggio la sala Ferrero ospiterà la 18esima edizione del Festival Internazionale di musica Echos 2016 con OndaSonora. Venerdì 20 maggio il gruppo artistico Ostinata Passione presenta “In un eterno abbraccio”, tratto da Giulietta e Romeo e Notre Dame de Paris con le musiche di Cocciante e la regia della casalese Elisa Randazzo per “Danzarte”. Sabato 21 maggio andrà in scena “Storia D'Amore”, spettacolo proposto dal laboratorio teatrale del Centro Down di Alessandria, grazie alla collaborazione con “Teatrodistinto” che da molti anni lavora a fianco dei ragazzi del Centro con un’attività finalizzata all’espressione emotiva e alla comunicazione creativa. Mentre il 27 del mese sarà la volta dell'associazione Bailò con “Evadiamo dentro(...la scuola)” con i detenuti della Casa Circondariale Don Soria di Alessandria che diventano interpreti di monologhi comici, sketch e musica presentato dall’attore iraniano Omid Maleknia dal titolo “Spettacolo d’evasione”.

Il 7 e l'8 giugno il palco della sala Ferrero sarà a disposizione del saggio finale degli allievi del corso di Formazione Teatrale 2015-16 (2°anno) e la partecipazione degli allievi del corso di avviamento teatrale 2015-16 (1° anno) con testi, elaborazione drammaturgica e regia di Francesco Parise del Teatro I Pochi di Alessandria. A giugno numerose date anche per la stagione concertistica “ClassicaAlessandria” sotto la direzione artistica di Stefano Velluti [Per il programma completo oppure per informazioni www.operamelodica.it – cell. 329.0347456].

 
14/04/2016
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Wilko Johnson Band al Macall? di Castelceriolo
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
Nuovo allestimento per “I Percorsi dell’Arte” dedicato a Carlo Carrà
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
"Gli Ambulanti di Forte dei Marmi®” ad Alessandria domenica 7 aprile
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"