Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia

Confindustria: "La crescita prosegue. Export: dobbiamo tutelare le nostre aziende dal protezionismo"

174esima Indagine Congiunturale Trimestrale di Confindustria Alessandria, Previsioni aprile-giugno 2018: Trend di crescita che si consolida e si mantiene. Bene l'export e anche l'occupazione in tutti i settori. A preoccupare per alcuni è il protezionismo. "Dobbiamo tutelare le nostre imprese dai rischi di un rallentamento dovuto principalmente allo scontro sui dazi"
 ECONOMIA - Sano ottimismo anche per questo trimestre 2018 da parte dei vertici di Confindustria che ha presentato la 174a Indagine Congiunturale Trimestrale che si riferisce alle previsioni aprile-giugno 2018. “Le prospettive e le aspettative di questo trimestre confermano il trend positivo dello scorso anno. Il settore metalmeccanico va bene e seguono in crescita anche tutti gli altri settori, chimica, alimentare, gomma plastica con ottimi risultati sia sull'export che sull'incremento di personale e quindi di lavoro, come dimostrato dalla diminuzione del ricorso alla cassa integrazione”. Queste sono state le parole di introduzione del presidente ad interim Maurizio Miglietta, insieme al direttore di Confindustria Alessandria, Renzo Gatti, e da Giuseppe Monighini, responsabile Ufficio Studi.

A livello locale si attestano riscontri tutti positivi e nel complesso in miglioramento: sono ottimistiche le attese espresse dagli imprenditori sia per occupazione e produzione che per gli ordini, per la propensione ad investire, l’utilizzo degli impianti e per la redditività, questo sebbene, negli ultimi mesi, il ritmo di espansione dei mercati internazionali segnali un rallentamento dovuto principalmente allo scontro sui dazi. “Merita attenzione lo spauracchio dei dazi protezionistici, che non deve però intimorire, perché anche queste grandi Potenze internazionali necessitano dei prodotti europei, di quelli italiani di qualità soprattutto” ha aggiunto Miglietta.

A dare conferma del trend di crescita sono gli indici SOP che registrano lo sbilancio tra ottimisti e pessimisti che sono nuovamente tutti positivi, come già lo scorso anno e nel primo trimestre del 2018: sono in rialzo i dati relativi alla previsione dell’occupazione a +21, della produzione a +28, degli ordini totali a +26 e quello della redditività a +12, e resta ampiamente positivo, anche se in flessione, l’indice degli ordini export a +13. La previsione di ricorso alla cassa integrazione si mantiene molto bassa ed in diminuzione ed è formulata dal 3% degli imprenditori del campione, così come sono sempre in netta maggioranza gli intervistati (il 73%) che prevedono invariata l’occupazione. È in rialzo e permane elevato il grado di utilizzo degli impianti al 78% della capacità, ed è sempre alta la propensione ad investire, che segnala investimenti significativi o marginali, che è dichiarata dal 73% degli intervistati. Si conferma ad un livello accettabile il ritardo negli incassi che è in calo ed è segnalato dal 33% degli imprenditori, e l’indice di chi ha lavoro per più di un mese aumenta fino ad arrivare all’84%.

Il raffronto con i dati della congiuntura a livello regionale mostra peraltro un andamento analogo, ma con indici anche migliori per la nostra provincia rispetto alla media piemontese, ed in particolare per le attese sugli ordini export. Come dimostra il settore manifatturiero locale che ha un trend per gli ordini export in crescita da 5 anni e che continua su questa strada ancora oggi. Nonostante le aspettative vengano per alcuni settori un po' “frenate” per le paure che di riflesso ci toccano e che dipendono dalle guerre commerciali tra Stati Uniti e Cina.
I settori produttivi più rappresentativi, il metalmeccanico, la chimica e la gomma-plastica, mostrano buone previsioni anche se nel complesso in calo rispetto al trimestre precedente, ed il comparto alimentare, influenzato dalla stagionalità, presenta indicatori tutti positivi ed in rialzo.
Anche dalla rilevazione riferita al settore dei servizi alle imprese emergono riscontri ancora positivi: risalgono la previsione dell’occupazione a +31, del livello di attività a +35 e dei nuovi ordini a +26, mentre sono in calo le attese per gli ordini export a +13. Permane buona la propensione ad investire.

“Nel quadro positivo di crescita economica che perdura – commenta Maurizio Miglietta, Presidente di Confindustria Alessandria – le indicazioni meno favorevoli pervengono dalle aspettative di export. Indubbiamente, come rileva il Centro Studi Confindustria 'le tensioni internazionali originate dallo scontro sui dazi tra Stati Uniti e Cina generano incertezza'. Il commercio mondiale è cresciuto a ritmi sostenuti fino a gennaio (+0,9% su dicembre), ma gli indicatori qualitativi segnalano un rallentamento: a marzo gli ordini esteri del manifatturiero globale sono ai livelli più bassi in 15 mesi. Si è fermato, inoltre, l’apprezzamento della valuta cinese, volàno per l’export occidentale”. Che prosegue: “questo pone di certo interrogativi sugli scenari in cui i nostri imprenditori, e in particolare le imprese della nostra provincia che sono per vocazione fortemente esportatrici, si confrontano. Come evidenzia, infatti, il Centro Studi Confindustria nella nota ‘Dazi USA: danni per tutti e rischi di guerra commerciale’ il vero pericolo è quello di cadere in una spirale di misure e contro-misure protezionistiche, cioè in una guerra commerciale. In quel caso, come insegna la storia, sarebbero a rischio gli stessi rapporti economici e politici tra le nazioni”. Ma guardando con ottimismo ai risultati fin ora raggiunti, “ovviamente speriamo che questo non succeda, e mentre annotiamo con soddisfazione che la crescita prosegue anche per i nostri imprenditori manifatturieri locali oltre che per quelli dei servizi alla produzione, dobbiamo comunque tenere alta l’attenzione sul fronte dell’export, per tutelare le nostre imprese contro i rischi del protezionismo. Insomma bisogna resistere!”.
28/04/2018
Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus



Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
Antonio Albanese il prossimo 13 dicembre 2018 al Palatenda Alegas con "Personaggi"
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
DIRTY DANCING FA SOGNARE LA PROVINCIA!! SOGNA INSIEME A NOI SABATO 8 DICEMBRE AD ALESSANDRIA
 Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film
Dirty Dancing- il musical, nella sua edizione speciale per i 30 anni dall'uscita del film